Eroi per caso, gli extracomunitari fermano il ladro e lo fanno arrestare

12

Ricordate il 20enne rumeno arrestato martedì pomeriggio dai Carabinieri? Aveva appena rubato 4 paia di scarpe da un negozio del centro commerciale Ibleo, ma non aveva fatto in tempo nemmeno ad uscire dal parcheggio. Sono stati i giovani extracomunitari che stazionano nei pressi delle zone dei carrelli e che si offrono, in cambio di pochi spiccioli, di aiutare gli acquirenti a caricare in auto i sacchi con la spesa, a fermare la sua fuga.

E’ successo tutto in pochi secondi. La barriera del negozio che suona, il rumeno che fugge. A raccontare quanto accaduto in quel movimentato martedì sono alcuni testimoni oculari. “I giovani extracomunitari sono sempre vicino ai carrelli o davanti agli ingressi, sono gentili, non disturbano nessuno. Quando si sono resi conto di quello che stava accadendo, vedendo il ragazzo in fuga e una delle commesse che si è lanciata all’inseguimento, quello che era più vicino al negozio derubato ha iniziato a rincorrere il ladro, allertando gli amici più lontani. Tutti insieme lo hanno bloccato, riportato in negozio e, in attesa dell’arrivo dei Carabinieri, si sono sincerati che non commettesse qualche altra sciocchezza all’interno dell’attività commerciale o nei confronti delle commesse”.

Sono dei bravi ragazzi – racconta una di loro – e la nostra responsabile ogni tanto offre loro il caffè, mentre altri gli regalano i vestiti o ciò di cui hanno bisogno per la famiglia. Uno arriva dal Gambia, della nazionalità degli altri non sono sicura. Ma una cosa è certa: – conclude – in un periodo in cui si parla degli immigrati come di un problema o di un pericolo, questa è una bella storia che ci dimostra che la medaglia ha sempre due facce”.