Comiso e la guerra agli incivili dei rifiuti, nuovo video e multe in arrivo

44

Qualcuno se lo ricorda ancora quando, nel marzo 2017, il sindaco di Comiso, Filippo Spataro, pubblicò un video su Facebook nel quale, sulle note ironiche di “Son dei piccoli porcellin”, si mostravano dei cittadini incivili intenti a scendere dalle auto per lasciare il sacchettino dei rifiuti ai bordi delle carreggiate, in varie zone alla periferia della città, sprezzanti non solo delle politiche a tutela del territorio messe in campo dall’amministrazione comunale, ma anche dell’impegno che tutti gli altri cittadini infondono quotidianamente nel fare correttamente la raccolta differenziata.

Ieri video ne è arrivato un altroe gli attori recitano sempre lo stesso copione. Arrivano con l’auto o con i furgoni e scaricano di tutto, dalla plastica ai materassi; immancabile, poi, il lancio del sacchetto dal finestrino senza neanche fermarsi. Come se fosse normale, come se quel territorio non fosse anche quello dove vivono loro. In sottofondo risate, applausi e versi di animali, di galli soprattutto, perché l’alba sembra essere uno dei momenti più gettonati per liberarsi della spazzatura.

A tutti questi cittadini, filmati nelle ultime 3-4 settimane, stanno arrivando a casa multe da 600 euro.Continua la lotta agli incivili – scrive Spataro nel post che annuncia il video – e mi domando: ne vale la pena? Nel rispetto dell’ambiente e della nostra città, non sarebbe meglio fare la raccolta differenziata, ritirata davanti alla porta di casa ogni mattina?”.

Siamo un comune davvero virtuoso – prosegue Spataro – e per questo ci arrabbiamo quando gli incivili sporcano la nostra città. La maggior parte dei comisani si impegna a differenziare, e lo fa anche bene. Ogni mese comunichiamo i dati alla Regione e ci siamo attestati tra il 55 e il 60%, che ci colloca tra gli enti oltre i 30mila abitanti più virtuosi in Sicilia, e azzarderei anche dell’intero sud Italia. Siamo stati pure premiati per questo, il nostro impegno è stato più volte riconosciuto e cerchiamo di migliorarci costantemente”.

Quindi una riflessione, più che condivisibile:Non riuscirò mai ad entrare nella testa di chi preferisce pagare multe salatissime piuttosto che perdere pochi minuti al giorno per dividere i rifiuti per tipologia, prima di mettere il sacchetto fuori dalla porta. I netturbini passano a ritirarlo comodamente a casa, ma loro inspiegabilmente continuano a sobbarcarsi lo stress del caricare tutto in auto e di rischiare. Abbiamo avuto perfino il caso di un cittadino multato per ben 3600 euro! Eppure è un porta a porta capillare che funziona bene, se ci sono intoppi basta una telefonata e risolviamo. Ma loro continuano, e devono sapere che lo faremo anche noi”.

L’Amministrazione Spataro, lo ricordiamo, ha anche istituito il sistema di incentivazione alla raccolta differenziata tramite la costituzione di Ecopunti in varie zone della città. Si sta cercando, insomma, di fare il possibile per mettere il cittadino nelle condizioni di differenziare bene, per cui quanto si vede nel video pubblicato ieri è la chiara dimostrazione che si tratta di un problema culturale e di mentalità, da risolvere una volta per tutte.