Buttati nella spazzatura, appena nati. A Scicli 8 cuccioli salvati da morte certa

90

8 cuccioli appena nati, strappati alla loro mamma prima del tempo, prima di essere pronti e di aver sviluppato tutte le difese necessarie per la sopravvivenza. E’ successo a Scicli, in contrada Tommaso, nei pressi dell’ospedale Busacca, ed è solo l’ultimo di una serie di gravissimi episodi che stanno riguardando il territorio.

A denunciarlo, come in tante altre situazioni precedenti, è la consigliera comunale Resi Iurato, volontaria e appartenente alla LAV, che al grido di “La vita non si butta” scrive sul suo profilo Facebook: “Nonostante il nostro impegno continuo, nonostante si sterilizzino cani dal lontano 2008, nonostante le tante adozioni! C’è chi si libera dei sui cuccioli buttandoli dentro un cassonetto”.

Ad accorgersi dei cuccioli sono state delle persone di passaggio, che hanno sentito i guaiti dei cagnolini e li hanno salvati da morte certa. Si tratta di cittadini originari del nord Italia che hanno deciso di trasferirsi al mare, a Donnalucata, e, sensibili al problema dell’abbandono e del randagismo, hanno anche fondato una colonia felina, della quale si occupa pure Resi Iurato.

Al momento il Comune ha solo una convenzione con il canile Maia, che ospita però già molti più cani di quanti ne potrebbe accogliere, quindi le volontarie sciclitane operano tra mille difficoltà e Resi Iurato lancia un appello. “Date una possibilità di sopravvivenza a questi cuccioli abbandonati, chi trova un cane e lo accudisce ha diritto a microchip e sterilizzazione gratuiti in attesa di adozione o affido e di recente, nel corso di un incontro con il dirigente del settore ecologia del Comune, è stata chiesta anche l’emanazione di un bando, affinché possa subentrare un’associazione animalista e possano essere rimborsate tutte le spese sostenute per il cane, anche quelle per il cibo, sempre in attesa di una casa definitiva”.

Gli 8 cuccioli ritrovati in contrada Tommaso lottano adesso per la vita e attendono di trovare una mamma e un papà. Esattamente come Ciro, trovato vicino ai cassonetti di via Del Palo Bianco a Donnalucata. Pit bull di un anno circa, molto vivace, microchippato e vaccinato.

Ciro
Ciro

O come lo sfortunato Book, rinvenuto il 15 marzo dentro un cassonetto della spazzatura a Scicli in condizioni pietose, ricoverato per qualche giorno in una clinica veterinaria di Pozzallo e ora in stallo presso alcuni volontari, sempre a Pozzallo. Anche Book sta conducendo la sua personale battaglia per la vita, ha un trauma alla colonna vertebrale più una serie di altre problematiche.

book
Book

Chi volesse contribuire alle sue spese veterinarie può farlo tramite la postepay numero 5333 1710 6270 1475 o IBAN IT92C0760105138283853783859. Al momento, però, nonostante il tam tam mediatico e le condivisioni sui social, solo una signora ha donato 15 euro.