Carmelo Ialacqua: “Ieri abbiamo scritto il programma di Città Futura”

322

Il senso di appartenenza alla comunità e il recupero della volontà di progettare il futuro sono stati i binari su cui si è svolto ieri pomeriggio al cinema Lumière a Ragusa l’incontro promosso dal candidato sindaco di Città Futura Carmelo Ialacqua alla presenza di simpatizzanti e cittadini per scrivere insieme il programma elettorale in vista del voto del 10 giugno.

Carmelo Ialacqua nel suo intervento introduttivo ha illustrato le macro aree su cui si sta muovendo nella stesura del programma elettorale, a cui ha chiesto di contribuire a tutti i cittadini presenti per suggerire progetti, figure, ambiti e interventi.

Il fine è stato quello di conferire tridimensionalità al suo Progetto Circolare, in grado di interpretare le istanze che sono giunte proprio da chi vive la città, determinando nei fatti una vicinanza sostanziale tra le istituzioni e i suoi cittadini.

2 (1)

Questo – ha esordito Carmelo Ialacqua – è un progetto di riconversione al futuro. Abbiamo tanto da dire perché rappresentiamo ciascuno di voi. Nulla oggi, ancora, è stato scritto, perché lo dobbiamo fare insieme. Ci piacerebbe conferire a Ragusa un volto giovane riservando attenzione al diritto allo studio per i nostri ragazzi e possibilità di formazione professionale per chi si affaccia nel mondo del lavoro. Abbiamo in mente un totale ripensamento del welfare e intendiamo conferire cittadinanza onoraria, come fatto in altre città italiane, a tutti quei ragazzi nati a Ragusa da genitori immigrati che oggi non hanno riconosciuto il loro status. Sosterremo l’amore familiare, attribuendo un senso oggettivo e reale al registro delle coppie di fatto, istituito ma non adeguatamente divulgato. C’è bisogno, in tal senso, di ampliare per tutti i diritti di accesso ai servizi comunali, senza discriminazione alcuna. L’unico comune denominatore a cui rifarci sarà l’amore familiare per tutte le famiglie, largamente intese. Lotta a tutte le discriminazioni e facilitazioni reali per le persone con disabilità, accogliendo l’invito espresso dal pubblico presente di istituire la figura del Disability Manager. Ed ancora ci saranno un city manager per rendere sostenibili i costi e tagliare tutto il superfluo, un manager che si occupi di cultura e turismo in modo strutturato ed un professionista che curi il verde in modo serio. Spazio a progetti di geotermia per sfruttare l’energia mineraria naturale, condomini intelligenti, moneta complementare, centri storici, difesa dei diritti del lavoro, concreto utilizzo delle royalties e della tassa di soggiorno ed ancora un ambito dell’amministrazione che si occupi di salute e benessere, prerogative su cui un primo cittadino non può far spallucce.

Le nostre idee – ha concluso Carmelo Ialacqua – sono rivolte a chi crede nella nostra reputazione e sappiate sin d’ora che il nostro posto è solo e soltanto al fianco dei cittadini, ecco perché proponiamo un progetto circolare di inclusione e di coesione con chi ha voglia di vivere in una Città Futura”.

Numerosi gli interventi che sono seguiti a quello del candidato sindaco. Tanti cittadini presenti hanno preso la parola per una riflessione o per condividere un’idea, aderendo ad una proposta che ha insita la coralità della progettualità e la competenza nel come poter agire.