Tutti in fila per il Commissario Montalbano, è l’ora delle comparse

5085

Antonio ha all’incirca la stessa età del commissario Montalbano e lo ricorda in tutto e per tutto, nel look e nei modi. Già in passato ha vestito i panni del noto commissario, nato dalla penna dello scrittore Andrea Camilleri, in diversi programmi sulle reti nazionali. Questa mattina c’era anche lui, insieme a moltissimi altri, alle selezioni per il casting delle nuove puntate che andranno in onda nel 2019. Nessuna indiscrezione da parte della direzione che non voleva che nessuno dei presenti parlasse con i giornalisti.

Ma Antonio non aveva bisogno di presentazioni e molti altri li abbiamo incontrati fuori, in attesa, dal Palazzo della Cultura a Modica, in corso Umberto, dove si svolgevano le selezioni. La prima di due date, la seconda sarà domani a Ragusa nella sede della Compagnia della bellezza, in via Asia, nei pressi della clinica del Mediterraneo. Al casting possono partecipare gli adulti fino a 70 anni di età, muniti di documenti di riconoscimento validi, quali: carta di identità, codice fiscale e codice Iban. Erano molti gli over cinquanta e anche sessanta presenti alle selezioni, insieme a tantissimi giovani, alcuni accompagnati dai genitori. E’ il caso di Maria Teresa, 20 anni, a farle compagnia e a supervisionare ci sono mamma Rosalba e papà Alberto. Sono modicani e Maria Teresa che studia architettura lontano, è tornata a casa con un sogno nel cassetto: partecipare alle selezioni del cast per poter realizzare il suo sogno di bambina di diventare attrice. E come lei sono in tanti a sperare di diventare anche solo comparse nella nota fiction televisiva girata soprattutto proprio negli iblei.

Paolo e Antonella, sono una bella coppia, hanno rispettivamente 29 e 25 anni, in questo momento non lavorano, hanno solo un’occupazione stagionale, e vorrebbero provare questa nuova esperienza. Per tutti il desiderio è tentare. Perché no? Rispondono quasi tutti alla mia domanda del perché essere li questa mattina, con ore di attesa in piedi. Ma il sogno comune è quello di una piccola apparizione, uno sfizio per la maggior parte dei presenti. Una sfida per altri, come Agata, 65 anni, venuta apposta di buon mattino da Catania con il marito, per tentare una nuova esperienza, senza timori e senza limiti, come ci racconta. Tra le persone in attesa di essere chiamate anche la stilista Ottavia Failla, che conversa divertita con i presenti, in modo sempre affabile: “Perché no? – dice divertita – Anche se sono un po’ chiara per sembrare siciliana, però lo sono e mi piacerebbe partecipare al cast”, ironizza la Failla che intanto viene chiamata per la preselezione e la foto di rito.

Domani si ‘replica’ a Ragusa, all’Accademia della Bellezza.