Insegnare la lingua italiana agli stranieri. Rivillito: “Un progetto d’integrazione”

Il Comune di Ragusa, con l’Assessorato ai Servizi Sociali, ha aderito al progetto “Parole Chiave”, promosso dalla coop. Integrorienta, finanziato a valere sul Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione (FAMI 2014-2020) di cui la cooperativa sopracitata è capofila.

Lo rende noto il Consigliere del gruppo Peppe CasSìndaco Luca Rivillito, delegato del sindaco in materia di servizi sociali.
L’Assessorato ai Servizi Sociali, retto dal dr. Luigi Rabito, continua il proprio impegno di sostegno alle persone, anche nel campo dell’integrazione, questa volta – spiega Rivillito – con il progetto “Parole Chiave” che mira a creare le condizioni per facilitare l’inclusione sociale e lavorativa dei cittadini stranieri promuovendo la conoscenza della lingua italiana, dei diritti e dei doveri fondamentali. Saranno previsti dei percorsi formativi complementari a quelli tradizionali prevedendo azioni congiunte ‘dentro e fuori la scuola’ e, per raggiungere l’obiettivo, un’aula del Centro polifunzionale di via Napoleone Colajanni sarà appositamente attrezzata come aula di apprendimento permanente con strumentazioni particolari che consentano anche di ricorrere all’E-learning”.
L’assessorato ai Servizi Sociali sarà coinvolto per il reperimento dei destinatari interessati a partecipare alle attività del progetto – dichiara ancora Rivillito – e sarà di totale supporto insieme ad altri partner di rilievo come l’Università di Messina, il Centro Studi Arnao di Palermo, la Fondazione San Giovanni, la coop. Fo.Co. di Chiaramonte Gulfi, l’Asd Smart 3E, l’Ufficio Scolastico Provinciale e l’associazione “Progettiamo Insieme” di Ragusa”.
Si tratta di un progetto di grande valenza – conclude il Consigliere di maggioranza – perché sul piano sociale sarà di aiuto nel percorso degli individui nel rispetto delle diversità culturali e nello sviluppo del senso di comunità attraverso l’apprendimento della nostra lingua”.