Carmelitane scalze di Ragusa, Serena ha detto il suo ‘sì, per tutta la vita’

4936
Immagine di repertorio tratta dal web

Ieri, memoria liturgica della Presentazione di Maria al tempio e giornata delle claustrali, presso il monastero delle Carmelitane scalze di Ragusa, la giovane Serena Noto, originaria di Acate, ha fatto la professione solenne dei voti di povertà, castità e obbedienza, entrando così a far parte definitivamente dell’Ordine carmelitano. Ha assunto il nome di suor Teresa Benedetta della Divina misericordia.

La celebrazione, che è stata presieduta dal vescovo monsignor Carmelo Cuttitta, ha visto la partecipazione di diversi sacerdoti, fra cui il provinciale dei Padri carmelitani, padre Gaudenzio Gianninoto. Un nutrito gruppo di fedeli, guidato dal parroco, è venuto con un pullman da Acate.

Toccanti sono stati i vari momenti della celebrazione, in particolare il canto delle litanie dei santi con la professanda prostrata per terra, e la formula della professione recitata da suor Teresa Benedetta nelle mani della Priora suor Paola. Ha fatto seguito la solenne benedizione sulla professa, pronunciata dal vescovo, e la consegna del velo nero per il capo.

“Con questa giovane acatese – si legge nella pagina fb della diocesi – si incrementa il numero delle monache presenti nel monastero di via Marsala a Ragusa. La speranza è ovviamente che altre giovani ne seguano le orme, avvertendo la chiamata del Signore e rispondendo prontamente”.