Licenziata dopo un’operazione. L’amarezza di Patrizia, ex operatrice Seus

1777

Sono due le operatrici licenziate dalla Seus, il Servizio regionale di emergenza urgenza. Ieri avevamo riportato la storia di una di loro, segnalata dalla Cisl: autista soccorritrice licenziata dall’azienda perché, in seguito a un intervento alla spalla destra, non aveva più potuto svolgere il suo ruolo.

Stessa sorte è toccata a Patrizia Campione Rendo, anche lei, come la collega, autista soccorritrice della Seus che, in seguito a un intervento d’urgenza per ernia del disco, dovuta proprio al lavoro che svolgeva, invece di venire cambiata di ruolo, dopo pochi mesi dall’operazione, è stata licenziata.

La donna si è rivolta al Tribunale del lavoro di Ragusa per chiedere che le cambiassero la mansione, anziché licenziarla, ma la sua richiesta è stata rigettata.

In provincia siamo quattro i lavoratori della Seus in questa situazione – racconta amareggiata Patrizia – due di noi hanno visto la richiesta rigettata, altri due sono in attesa di verdetto. Invece, altri colleghi con casi simili, ma operanti fuori dalla provincia iblea, sono riusciti a vincere la causa”.

Inoltre – continua Patrizia – esiste una convenzione tra la Seus e l’assessorato, e quindi le Asp siciliane in quanto socie della stessa Seus, sono tenute a prendersi in carico un certo numero di dipendenti della Seus dichiarati inidonei alle mansioni di autisti soccorritori”.

“A noi è toccata, dopo il danno, anche la beffa. Abbiamo avuto dei problemi fisici per via del lavoro che ogni giorno abbiamo svolto e poi al momento che questo lavoro ci ha arrecato dei problemi, siamo stati lasciati completamenti soli“.

Abbiamo passato la vita ad aiutare gli altri – conclude – e adesso sembra che non ci sia nessuno disposto ad aiutare noi”.