Massimo Flaccavento, il ragusano che ha sfidato il Tupungato

600

Il ragusano Massimo Flaccavento, guida vulcanologica 39enne, ha affrontato nelle scorse settimane, una tra le più alte montagne dell’America del Sud: il Tupungato.

Un vulcano alto ben 6570 metri sul livello del mare che si trova a cavallo tra due Stati, al confine tra la regione di Santiago, in Cile, e la provincia argentina di Mendoza.

Massimo, grazie alla sua lunga esperienza da guida vulcanologica sull’Etna e sullo Stromboli ha voluto mettersi in gioco in questa nuova sfida, dopo le tante già affrontate.

Così il 25 gennaio scorso è partito per questa avventura che ci siamo voluti far raccontare.

Per i primi tre giorni un mulattiere e due muli mi hanno accompagnato al campo base fino a 4000 metri, e poi da solo ho proseguito verso l’alto fino a raggiungere quota 5340. Lì mi sono dovuto fermare perché una perturbazione si è incastrata nella vetta. Sono rimasto bloccato per tre giorni nell’attesa che si spostasse, ma non è accaduto e così il 2 febbraio, mio malgrado, ho deciso di cominciare la discesa”.

Un viaggio avventuroso, dove si ci confronta con la bellezza e la maestosità della natura, con la solitudine e con i propri limiti e i propri talenti.
La solitudine si avverte – ci racconta Massimo – ma quando sei da solo con la montagna hai davvero tante cose da fare, primo fra tutti, organizzare il campo. E ovviamente pensi a tante cose, la famiglia, il lavoro, a te stesso e al futuro. La solitudine un po’ la patisci, soprattutto quando arriva il maltempo come in questo caso, ma quando ritorni alla vita di tutti i giorni è ciò che ti manca maggiormente“.

Un’incredibile sfida quella di Massimo che, anche se non ha raggiunto la vetta, ha comunque vissuto una bella esperienza e ha avuto forza, coraggio e intelligenza per dire basta quando era il momento.