Corte dei Conti, condanna da 600.000 euro per Sasà Cintolo

1611

La Corte dei Conti per la sezione Sicilia (presidente Carlino, relatore Parlato) ha condannato
l’ex delegato del Coni di Ragusa Rosario Cintolo e il direttore della Scuola Regionale dello Sport Silvio Piazza al pagamento in favore della Regione siciliana di 592 mila e 404 euro, di sei mila e 900 in favore del Coni nazionale e di 10 mila euro in favore dell’ex provincia di Ragusa per la condotta dannosa a loro attribuita ovvero di aver creato conti correnti paralleli a quello ufficiale del Coni per introitare contributi senza alcuna rendicontazione. In particolare sono accusati dello «sviamento di risorse pubbliche fatte confluire da Cintolo e Piazza su conti correnti dedicati alla gestione della Scuola Regionale dello Sport di Ragusa e di altri impianti sportivi siti nella provincia ragusana e al disservizio connesso alla gestione
personalistica di beni riconducibili all’articolazione territoriale del Coni».

Solo l’ex delegato del Coni di Ragusa Cintolo dovrà rifondere l’ex provincia di Ragusa di 171 mila euro e 47 mila euro il comune di Ragusa per la gestione rispettivamente del
palazzetto dello sport di Modica e della piscina di Ragusa. La condanna impartita determina la conversione in pignoramento del sequestro dei beni disposto con decreto del presidente della Corte dei Conti del 18 luglio 2017.