Toni Servillo il 22 giugno a Modica al Nuovo Cineteatro Aurora

306

Per il Nuovo Cineteatro Aurora il 2019 sembra rappresentare davvero l’anno della maturazione del progetto, grazie a una stagione ricca di eventi in cui i protagonisti del cinema e del teatro italiano arrivano in provincia per incontrare il pubblico. Da gennaio a oggi sono stati ospiti dell’Aurora Nanni Moretti e Valerio Mastandrea, mentre un nuovo evento è previsto per il prossimo 22 giugno con la partecipazione di Toni Servillo. 

A ormai cinque anni di distanza dalla coraggiosa operazione di riapertura dello storico cinema di Modica Alta (dopo diverso tempo trascorso senza che alla città ne fosse rimasto nemmeno uno), l’Aurora si radica sempre più nel territorio con un’identità nuova, contemporanea, lungimirante. 

“Anche questi appuntamenti – spiega Michele Avveduto, presidente della Novecento srl, che gestisce il cinema – sono occasioni che mi rendono profondamente orgoglioso delle scelte fatte negli ultimi cinque anni, nel tentativo di contribuire alla vita culturale cittadina in modo significativo, anche grazie alla partecipazione di privati, associazioni, piccole compagnie di teatro, istituti scolastici. Si tratta di realtà preziose che vorremmo continuare a valorizzare seppur nei limiti dell’iniziativa privata; purtroppo è preoccupante il dato relativo alla diminuzione di associazioni di alto profilo, culturalmente attive in provincia e spesso costrette a rinunciare alla propria missione per la mancanza del sostengno necessario soprattutto da parte delle istituzioni pubbliche. Il mio impegno per far sì che il Nuovo Cineteatro Aurora continui a garantire un contatto con il mondo della cultura contemporanea nazionale – conclude Avveduto – si rinnova ogni giorno soprattutto grazie all’affetto e alla partecipazione della città di Modica che negli ultimi cinque anni ha sempre dimostrato un sincero apprezzamento per il nostro lavoro, trasformando i sacrifici in piccole grandi conquiste comunitarie”.

Il prossimo appuntamento sarà appunto con Servillo, che il 22 giugno, con doppia proiezione alle 19.15 e alle 21.30 racconterà – unica data siciliana – “Il teatro a lavoro” di Massimiliano Pacifico. Si tratta del racconto dell’avventura umana e artistica della creazione di Elvira, lo spettacolo coprodotto dal Piccolo Teatro di Milano e da Teatri Uniti – diretto e interpretato da Toni Servillo – che Brigitte Jaques ha tratto dalle lezioni di Louis Jouvet al Conservatoire di Parigi, nel 1940. Lo sguardo degli autori segue e svela l’incontro e il lavoro di Servillo e dei suoi tre giovani compagni di lavoro – Petra Valentini, Davide Cirri e Francesco Marino – dall’inizio delle prove a tavolino alla Biennale di Venezia, all’approdo al Théâtre de l’Athénée di Parigi, attraverso le fatiche e i tormenti dell’allestimento al Teatro Bellini di Napoli e il felice debutto al Piccolo Teatro Grassi di via Rovello, a Milano. “Tornare a filmare Toni Servillo in teatro – ha scritto Massimiliano Pacifico nelle note di regia –  dopo la felice esperienza del mio precedente documentario 394 Trilogia nel mondo in cui lo avevo seguito durante una lunghissima tournée internazionale, era per me una sfida importante e ricca di stimoli, che non possono mai mancare dinanzi alla passione, il carisma, la determinazione e il talento di un attore straordinario come Servillo. Stavolta l’opera era in fase embrionale e piuttosto che raccontare l’adattarsi ogni sera a pubblici di diverse nazioni e culture la sfida era quella di riuscire ad appassionare lo spettatore alla fatica della creazione di uno spettacolo e di un personaggio, insieme a tre giovani interpreti con cui mostrare inequivocabilmente il teatro al lavoro”.