Porto Ulisse: sequestrate attrezzature balneari per restituire la libera fruizione alla spiaggia

773

La mattina di giovedì 18 luglio, i militari della Guardia Costiera di Pozzallo hanno effettuato, unitamente a personale tecnico e mezzi meccanici messi a disposizione dal comune di Ispica, un ingente sequestro di natanti, ombrelloni, gazebi, sdraio ed altre attrezzature balneari poste indiscriminatamente sul litorale antistante la spiaggia libera ubicata in località Porto Ulisse nel comune di Ispica.

L’operazione – spiegano dalla Capitaneria di porto di Pozzallo – si è resa necessaria al fine di restituire la libera fruizione della spiaggia a tutti i cittadini, turisti e bagnanti, consentendo il pubblico uso di ampi tratti di litorale che risultavano abusivamente occupati da numerose attrezzature ed unità navali collocate senza alcun titolo concessorio e/o autorizzativo.

Gli autori dell’abusiva occupazione non sono stati ancora individuati, pertanto è stata redatta e depositata presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Ragusa una notizia di reato a carico di ignoti.

Sono tutt’ora in corso le indagini per risalire, nel più breve tempo possibile, ai trasgressori, che saranno subito deferiti alla suddetta autorità giudiziaria per i provvedimenti di competenza.

L’attività svolta si affianca alle altre operazioni, già avviate, anche in maniera congiunta con gli altri comuni costieri della provincia iblea, al fine di reprimere gli illeciti che non permettono la libera fruizione delle spiagge, vigilando così, sul rispetto e corretto uso del demanio marittimo, attività che rappresenta uno degli obiettivi primari dell’operazione “Mare Sicuro”, iniziata il 1° giugno di quest’anno su tutto il litorale ricadente nel compartimento marittimo di Pozzallo.