Gas radioattivo, al Fermi di Ragusa un convegno per “Conoscere il Radon”

227

Giovedì 7 novembre in occasione della giornata Europea del Radon si svolgerà, presso l’auditorium della sede centrale del Liceo Scientifico Enrico Fermi di Ragusa, una conferenza sul tema “Conoscere il Radon” .

Interverranno il prof. Angelo Pagano, dirigente di ricerca e responsabile del progetto RadioLab per l’INFN di Catania, la prof.ssa Josette Immé, docente ordinaria di Fisica dell’Ambiente e coordinatrice nazionale del Piano nazionale Lauree Scientifiche per la Fisica e il Dr. Rosario Mineo, responsabile della Rete Sismica e Rete Radon del Libero Consorzio Comunale di Ragusa. Apriranno i lavori Il Dirigente Scolastico prof. Francesco Musarra, il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa dr. Salvatore Piazza e il prof. Concetto Gianino, docente di Fisica e referente per il progetto RadioLab al Liceo Fermi di Ragusa.

Questo evento nasce con l’intenzione di sensibilizzare prima gli studenti e di riflesso le famiglie e la popolazione del ragusano dell’esistenza di questo gas radioattivo ancora molto sconosciuto, infatti, un’indagine statistica nazionale, a cui ha dato un notevole contributo il Liceo Fermi di Ragusa, ha evidenziato che circa il 70% del campione non conosce il Radon. Questo gas è emanato principalmente dal terreno e può costituire un serio problema alla salute negli ambienti chiusi, soprattutto in locali a contatto con il terreno e solo conoscendolo è possibile mettere in atto quelle semplici azioni che ne riducono drasticamente la concentrazione nei locali chiusi. Nel ragusano si sono fatte diverse campagne di misura della concentrazione di Radon sia da parte dell’ufficio preposto del Libero Consorzio Comunale di Ragusa e sia dal Dipartimento di Fisica di Catania in collaborazione con il Liceo Scientifico Fermi di Ragusa. Queste misure hanno evidenziato dei valori di concentrazione mediamente superiori alla media nazionale ed europea, molto probabilmente legati alla natura carsica del sottosuolo ibleo.