Coronavirus, i medici iblei: “No allarmismi, sì alle precauzioni”

285

No all’allarmismo, ma sì alla prudenza. La presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Ragusa, Rosa Giaquinta, interviene sull’emergenza “Coronavirus” assicurando che i medici del territorio provinciale sono allertati e seguono precisi protocolli per affrontare il fenomeno. “Quello che adesso possiamo fare- afferma Giaquinta- è dare delle raccomandazioni di ordine generale che sono alla base della prevenzione delle malattie infettive: lavarsi spesso le mani con disinfettanti, evitare di toccare rubinetti o manopole dei bagni pubblici, utilizzare fazzoletti monouso o, in mancanza di questi, si consiglia di starnutire o tossire nell’incavo del gomito. E poi ancora: arieggiare gli ambienti ed evitare viaggi non strettamente necessari. Fintanto che l’evoluzione dell’infezione non assuma contorni ancora più definiti – continua la presidente dell’Ordine dei Medici di Ragusa- si sconsigliano viaggi nelle aree ad alta endemia specie ai soggetti affetti da patologie croniche”. La preoccupazione riguardo la diffusione del virus, non deve portare però a dover ricercare per forza dei colpevoli, sarebbe un atteggiamento del tutto sbagliato.

Evitiamo- dice infatti ancora Rosa Giaquinta- atteggiamenti escludenti nei confronti di stranieri presenti nel nostro territorio, specie verso i bambini se non provenienti di recenti da aree a rischio. Hanno le nostre stesse possibilità di contagio. Il livello di attenzione deve essere alto e non vanno sottovalutate situazioni sospette”. Per la presidente dell’Ordine, deve rimanere però alta la fiducia nelle istituzioni, nell’ azienda sanitaria e nei medici. “Fiducia e senso civico- conclude- ci aiuteranno a superare questo momento critico”.