Rubavano carburante dai mezzi dei cantieri autostradali: arrestati

157

Il personale della sezione Volanti del Commissariato di Modica, nella notte tra il 4 e il 5 marzo, durante un servizio di controllo del territorio presso i cantieri autostradali della Siracusa – Gela, giunto presso il cantiere di c.da Graffetta, territorio di Ispica, notava nel parcheggio adibito alla sosta dei mezzi di movimento terra, un’autovettura BMW parcheggiata a breve distanza lasciata aperta e con il cofano motore ancora caldo. Intuendo che si stesse consumando qualche reato a danno dei mezzi in sosta, gli Agenti si sono messi alla ricerca dei malfattori che, non accorgendosi dell’arrivo della Polizia, sono stati trovati ad armeggiare nei serbatoi dei mezzi parcheggiati.

Due individui hanno tentato di dileguarsi nelle campagne limitrofe, ma sono stati prontamente raggiunti e bloccati dagli Agenti, dopo un breve inseguimento e con l’ausilio di una seconda Volante che era giunta sul posto. I due soggetti identificati sono cittadini rumeni, di fatto domiciliati in un caseggiato rurale nelle campagne di Ispica di cui uno era anche il proprietario della predetta autovettura.

Gli Agenti hanno riscontrato la manomissione dei tappi dei serbatoi di alcuni dei mezzi del  cantiere rinvenendo sui luoghi 8 taniche da 25 litri ciascuna piene di gasolio ed un tubo di gomma. Il gasolio rinvenuto corrispondeva esattamente ai 200 lt. Nel prosieguo dell’attività investigativa, si faceva intervenire sul posto uno dei responsabili della ditta proprietaria dei mezzi il quale denunciava l’ammanco di circa 200 litri di gasolio dai serbatoi.

Inoltre, la perquisizione eseguita nell’immediatezza presso l’abitazione dei due rumeni, ha consentito di rinvenire un grosso contenitore in plastica privo di copertura superiore contenente altri 200 litri di gasolio, che, secondo la ricostruzione dei fatti con riscontro di quanto denunciato da un imprenditore edile impegnato negli stessi lavori di costruzione, risultavano asportati in precedenza.

I due rumeni, C.A.N. di anni 29, proprietario dell’autovettura Bmw ed il cugino M.M.A. di anni 30, con precedenti di polizia  per reati contro il patrimonio, sono stati tratti in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato in concorso e ricettazione del gasolio rinvenuto presso la loro abitazione. I due arrestati, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati condotti presso il loro domicilio di Ispica in regime di arresti domiciliari.

L’attività di Polizia continua anche al fine di accertare la responsabilità dei due arrestati, e di eventuali altri complici, in ordine ad altri furti di carburante denunciati negli ultimi mesi sempre nella medesima zona.