Picchia selvaggiamente la madre, la Polizia lo blocca con lo spray urticante

1579

Nella notte dell’8 aprile scorso personale delle Volanti del Commissariato di Modica ha tratto in arresto per lesioni personali e per resistenza a Pubblico Ufficiale, F.K., di anni 22, originario di Scicli e domiciliato a Modica, noto per i suoi pregiudizi di polizia in materia di stupefacenti e reati contro il patrimonio.
Nei fatti personale del locale Commissariato mercoledì scorso interveniva presso un’abitazione sita nel centro storico di Modica, a seguito di richiesta d’aiuto di una donna che telefonava al 112 NUE. La segnalazione veniva immediatamente dirottata dalla sala operativa della Questura a quella del Commissariato che inviava sul posto le pattuglie.

Gli Agenti, che trovavano l’abitazione indicata dalla donna con la porta aperta e gli ambienti a soqquadro e senza nessuno all’interno, udivano urla femminili provenire da un altro stabile poco distante raggiungendo tempestivamente il luogo; qui trovavano un giovane in preda all’ira che stava malmenando con furia una donna, bloccandolo immediatamente e riportato alla calma. Dalla ricostruzione dei fatti emergeva che l’uomo, convivente con la madre, preso dai fumi dell’alcol iniziava a percuoterla per futili motivi, costringendola a cercare riparo presso i vicini di casa, dove però veniva nuovamente raggiunta da figlio e lì ancora percossa. Quando sembrava che tra i due si volesse trovare una riappacificazione davanti agli Agenti, con gesto fulmineo F.K afferrava un coltello da cucina appuntito, scagliandosi nuovamente contro la madre e minacciandola di morte. Solo grazie alla prontezza d’intervento degli Agenti l’uomo veniva bloccato evitando il peggio per la donna e riuscendo a scansare le minacce col coltello a loro indirizzate. Durante la concitazione degli eventi l’aggressore, in preda ad un raptus, si scagliava anche contro i poliziotti che per bloccarlo si vedevano costretti all’uso dello spray capsicum in dotazione.

La donna, per le lesioni riportate nel corso dell’aggressione e lo stato di ansia e di paura, a mezzo ambulanza veniva trasportata presso il pronto soccorso, mentre F.K. veniva tratto in arresto e dopo le formalità di rito tradotto presso la Casa Circondariale di Ragusa a disposizione del P.M. di turno. Nella giornata di ieri l’arresto di F.K. veniva convalidato dalla competente A.G. applicandogli anche la misura del divieto di dimora nel comune di Modica.