Raccolta differenziata a Comiso, risultati buoni, ma non basta

114

“Le percentuali di differenziata – spiega l’assessore Biagio Vittoria – sono state buone nel 2019 e sono ottime  già dai primi mesi del 2020. Possiamo dire infatti, che l’ambizioso progetto della raccolta differenziata cominciato l’anno scorso, è stato accolto e fatto proprio dalla maggioranza dei cittadini di Comiso e Pedalino. Per questo motivo – ancora l’assessore – anche il comune di Comiso ha ricevuto il riconoscimento da parte della Regione, in qualità di comune più virtuoso tra quelli che superano i 10.000 abitanti. Ma non basta. C’è ancora chi non ha capito quale sia l’importanza della differenziata e del riciclo ed è per questo che, purtroppo, siamo costantemente impegnati sul territorio al fine di intercettare, individuare e sanzionare, coloro i quali non si sono ancora voluti adeguare”.

“ I risultati raggiunti, compreso anche questo riconoscimento, ci inorgoglisce – dichiara il sindaco Schembari-. Tuttavia ci sono ancora delle criticità ed è corretto nei confronti della città metterle in evidenza. Soprattutto a tutela di chi, invece, fa la differenziata e la fa bene. Gli “irriducibili sporcaccioni”, perché altro non sono – continua il sindaco – agiscono sia all’interno del territorio urbano, sia all’esterno e principalmente nelle contrade, specialmente nei mesi estivi. Si tratta di persone che, pur di non registrare una seconda utenza presso le case di campagna, preferiscono smaltire gettando tutto in diversi terreni e creando autentiche discariche abusive. Così non va. Non può andare. Né può passare il messaggio che tutto questa avvenga fuori da ogni controllo perché non è così. Noi siamo sul territorio. Ci siamo sia con sistemi di video sorveglianza mobile, sia con controlli da parte dei vigili urbani. Questa gente viene individuata e sanzionata ai sensi del codice penale. Quindi – conclude il sindaco – non solo ringrazio tutti i cittadini che hanno capito bene qual è il senso della raccolta differenziata, ma anche tutti quelli dall’enorme senso civico che ci collaborano , segnalando puntualmente con foto e con video che inviano privatamente, i trasgressori”