‘Preparare un tempo nuovo’, Corso di formazione per insegnanti e per chi opera nel sociale

302

La Fondazione di comunità Val di Noto, insieme all’Istituto di istruzione superiore “Galilei-Campailla” di Modica, promuove un corso di formazione per insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado e per quanti operano nei campi educativo, civico, sociale e dell’economia civile. Il corso prevede quattro incontri che si terranno nel periodo settembre-dicembre nei locali della Scuola ‘San Benedetto’ di Modica. Il tema scelto per questo percorso in quattro ‘momenti’ è: ‘Preparare un tempo nuovo’, parte da una lettura di questo nostro tempo, dove la pandemia e il dopo pandemia, con la loro ambiguità, rischiano di essere lette solo su un versante emotivo che lascia alla superficie dei problemi e delle prospettive. Essi, invece, evidenziano drammatiche crisi: ambientale, sociale, economica, politica. E rischiano di occultare le grandi sofferenze del mondo: non possiamo dimenticare cosa vuol dire il coronavirus nel Sud, che già è vittima di ingiustizie generate dal sistema capitalistico e da guerre infinite. Ancora di più, quindi, ci si sente interpellati nella propria umanità e responsabilità verso le nuove generazioni. Ad accompagnare in questo itinerario di formazione alcuni ‘testimoni’. Quest’anno soprattutto i ‘taciti doni’ che le donne ci offrono, ma ancora don Puglisi con la sua “pedagogia dell’esempio” e quanti operano sui versanti dell’economia civile e della comunità.

«Non si tratta di un semplice corso! Si tratta spiega il coordinatore del corso e vice presidente della Fondazione di comunità Val di Noto, Maurilio Assenza – di quella necessaria e possibile “radura” nel fitto della crisi per avere una “chiarita”, potremmo dire con il filosofo Heidegger, ovvero per non lasciarsi sommergere dalle paure ma anche senza avere la presunzione di farcela solo con sforzi di volontà, ma lasciare che ciò che è più profondo continui a sgorgare come acqua che fa attraversare il deserto e ciò che dilata gli orizzonti illumini il cammino. Un interrogarsi dentro quel compito delicatissimo che è l’educare, che è aiutare le nuove generazioni ad attraversare questo tempo non come una parentesi ma come un’opportunità. E così preparare un tempo nuovo, continuare a sognare e iniziare ad attuare un’umanità capace di risollevare il mondo come in tante altre epoche della storia, dal rinascimento al risorgimento, dalla resistenza a quella che oggi si chiama resilienza. E a promuovere questo momento è una scuola (l’Istituto Galilei Campailla di Modica) che così vive la sua responsabilità con ampio respiro e la Fondazione di comunità Val di Noto, che fin dai suoi inizi ha attivato raccordi tra tante realtà sociali con una chiara dedica alle nuove generazioni e con un chiaro fine: aiutare il Sud a liberarsi – conclude Assenza – da antichi pesi e diventare terra meridiana, terra di luce e di calore, di incontri fecondi e di pensieri volti alla comune felicità nel segno della bellezza».

Numerosi i relatori: Rosaria Lisi, psicologa, psicoterapeuta. Ha conseguito la Licenza ed è dottoranda in Teologia biblica presso la Facoltà Teologica di Sicilia. Dada Iacono, si è formata negli ambienti del Movimento di Cooperazione educativa siciliano e nella scuola id Gestalt Therapy dell’hcc. Giovanni Salonia, Psicologo, psicoterapeuta, docente presso l’Università Pontificia Antonianum e l’Università Cattolica Sacro Cuore. Antonio Sichera insegna Letteratura italiana moderna e contemporanea nell’Università di Catania ed è docente di Ermeneutica e Fenomenologia nella Scuola di Specializzazione postuniversitaria dell’Istituto di Gestalt H.C.C.

Rosaria Cascio insegna da vent’anni Italiano e Storia nei licei, a Palermo. È cresciuta nei gruppi giovanili di don Pino Puglisi e il suo impegno è di far conoscere le opere e il metodo del sacerdote presso scuole e gruppi giovanili in tutta Italia. Beatrice Cerrino è insegnante di Economia e Diritto nella Scuola Secondaria di secondo grado. Collabora con la Scuola di Economia Civile, di cui è referente per il settore Scuola Ennio Ripamonti, psicosociologo e formatore. Laureato in filosofia indirizzo psicologico, si è specializzato in formazione degli adulti presso l’Università degli Studi di Milano.

Il corso, che rispetterà tutte le regole di protezione dettate dalla situazione sanitaria. Sarà aperto a cinquanta partecipanti. Le iscrizioni saranno aperte fino al 26 settembre presso la segreteria della Fondazione di comunità Val di Noto. Per ogni altra informazione sulle date, sui costi e sulle modalità d’iscrizione è possibile consultare il sito www.fondazionevaldinoto.it