Sale ancora il numero degli infermieri contagiati al Paternò Arezzo

8329
immagine di repertorio

Sale ancora il numero degli infermieri contagiati al Paternò Arezzo, ospedale Covid della provincia di Ragusa.

Sono cinque, al momento, gli infermieri contagiati al reparto di Malattie Infettive.

Sono attualmente 7 i pazienti Covid ricoverati in reparto, mentre è stato trasferito a Catania l’unico paziente in terapia intensiva.

Dura la protesta dei rianimatori: “L’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa Ibla, trasformato in Covid Hospital, non presenta i requisiti necessari per garantire gli standard di sicurezza a tutela della salute dei lavoratori”.

La denuncia arriva dal medico Adriano De Nicola, rappresentante provinciale di Ragusa di AAROI (Associazione Anestesisti Rianimatori Ospedali Italiani) ed è contenuta in una lettera inviata ai vertici dell’Asp iblea.

De Nicola critica la decisione di creare al Paternò Arezzo una Rianimazione dedicata ai pazienti Covid riadattando i locali della ex Neonatologia.

“Sono rispettati – si legge sul sito dell’AAROI – gli standard di sicurezza per quanto riguarda il trattamento ambientale, le normative antincendio, le caratteristiche strutturali e strumentali sanitarie minime che definiscono una Rianimazione ad alto rischio”?

“L’apertura della Rianimazione Covid – afferma De Nicola – rischia di uccidere la sanità in provincia di Ragusa”.