I treni arriveranno all’aeroporto di Catania con la fermata di Fontanarossa

471

“Pochi mesi e una svolta attesa da anni sarà realtà: i treni arriveranno all’aeroporto di Catania. Grazie alla fermata ferroviaria di Fontanarossa, ormai quasi pronta, anche chi proviene da Messina, da Siracusa, da Enna, da Caltagirone, Caltanissetta, Catania e il resto della provincia, potrà recarsi a prendere l’aereo più agevolmente, senza auto. I binari sono sempre stati lì, bastava fare la stazione ma nessuno finora ci aveva lavorato. Il Governo Musumeci, assieme a Rfi e Sac, ha avviato la realizzazione di questo snodo fondamentale treno-aereo e dunque, già nel 2021, si realizzerà un salto di qualità verso la modernizzazione della mobilità nella Sicilia orientale”.
Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone, nel corso del sopralluogo odierno al cantiere della futura Fermata ferroviaria Catania – Aeroporto Fontanarossa. Erano presenti il dirigente dell’Area Tecnica di Rete ferroviaria italiana Salvatore Leocata, l’amministratore delegato di SAC Nico Torrisi, il direttore ENAC per la Sicilia orientale Vincenzo Fusco, il direttore generale di Ferrovia Circumetnea Salvo Fiore.

“Siamo molto soddisfatti che si stia finalmente completando questa importante opera – commenta l’amministratore SAC Torrisi. Ringrazio l’assessore Falcone, con il quale c’è piena sintonia su quello che è lo sviluppo dell’aeroporto e, naturalmente, ringrazio Enac che ci ha consentito di realizzare questa infrastruttura. Per noi, questo rappresenta un primo passo che anticipa quello che tra qualche anno vedrà arrivare la metropolitana al parcheggio Fontanarossa e sin dentro l’aeroporto, come accade in tutte le città moderne. E anche su questo c’è piena sintonia con l’amministrazione comunale, FCE e con tutti gli enti coinvolti. Per quanto ci riguarda, realizzeremo la strada che collegherà la nuova fermata di Rfi all’aerostazione, per consentire ai passeggeri di raggiungere, tramite navetta, facilmente l’aeroporto. Saremo pronti subito, anche perché abbiamo coinvolto l’Azienda metropolitana trasporti”.