Record di tamponi molecolari al ‘Giovanni Paolo II’

976

È record di tamponi molecolari per la diagnostica del COVID-19 al Laboratorio Analisi dell’ospedale “Giovanni Palo II” di Ragusa. Uno dei primi laboratori in Sicilia a essere stati autorizzati dall’Assessorato Regionale alla Salute, assieme ai Policlinici Universitari di Catania e Palermo: sfondato, infatti, il muro dei 50.000 tamponi processati, numeri di assoluto rispetto, in 8 mesi di attività.

«Giornalmente processiamo più di 850 tamponi, e ormai da otto mesi lavoriamo incessantemente, ventiquattrore ore al giorno, per garantire risposte certe e affidabili a tutti gli Ospedali della provincia e per l’utenza esterna, assicurando i risultati entro 24-48h al massimo. Tutto ciò grazie ad un gruppo formidabile, a suo tempo istituito dalla Direzione Strategica, di biologi, medici, tecnici di laboratorio e infermieri che non risparmiano nessuna energia e che, quotidianamente, danno il meglio di loro stessi» dichiara il dott. Vincenzo Bramanti, Responsabile del Covid-Team del Laboratorio Analisi di Ragusa.

Il dott. Francesco Bennardello, direttore della UOC Patologia Clinica e Microbiologia, aggiunge – «Da qualche giorno vengono processati dal nostro laboratorio anche i tamponi provenienti dall’ASP di Enna ed è motivo di orgoglio per tutti noi offrire una mano d’aiuto ai colleghi di Enna»

La nota dell’Asp conclude: “È doveroso un ringraziamento a tutti i componenti dell’Emergenza COVID che lavorano senza tregua, per garantire la tutela della salute pubblica: i colleghi del Dipartimento di Prevenzione, il dott. Massimo Iacono del CED assieme al suo gruppo, le USCA e soprattutto la Direzione Strategica Aziendale che quotidianamente sostiene e coordina in maniera egregia tutta quanto l’organizzazione”.