Neonato abbandonato, il giudice non crede al macellaio: resta ai domiciliari

1953

Il commerciante che ha inscenato il ritrovamento di un neonato a Ragusa resterà agli arresti domiciliari.

Lo ha deciso il giudice Eleonora Schininà che ha quindi respingento le richieste dell’avvocato Michele Sbezzi, che difende l’uomo.

Lo scorso 4 novembre l’uomo aveva chiamato i soccorsi, assieme ad una amica, sostenendo di avere trovato un neonato vicino alla propria macelleria. In realtà quel neonato lo aveva portato lui. La sua ex compagna – indagata per concorso in abbandono – risiede a Modica e lo aveva chiamato quel giorno, chiedendo aiuto.

Il commerciante, che secondo le dichiarazioni raccolte, non sapeva che la sua ex compagna fosse incinta e che con lei aveva interrotto i rapporti circa 6 mesi fa, ha confermato di essere stato lui stesso a portare il neonato a Ragusa e di avere inscenato il ritrovamento davanti alla macelleria perchè in quel frangente aveva ritenuto che il piccolo potesse arrivare più velocemente in ospedale, sostenendo che la città di Modica – così ha riferito il suo legale al termine dell’interrogatorio di garanzia – la conosceva poco e avrebbe perso tempo a cercare di arrivare alla locale struttura sanitaria.

Una volta arrivato in via Saragat aveva chiamato i soccorsi e sul posto era intervenuta una Volante della Polizia e il personale del 118 che avevano messo in salvo il piccolo.

[Fonte Gds.it]