La lettera di una paziente guarita dal Covid ai sanitari del Giovanni Paolo II

1403

Destinata a tutto il personale del reparto Malattie Infettive dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Ragusa, la lettera di una paziente guarita dal Covid-19. Nelle sue parole tutta la gratitudine per l’amore che il personale riesce a trasmettere nel proprio lavoro.

“GRAZIE! La parola più usata di certo, ma sento di dirvi un Grazie che viene dal cuore. Grazie ad ognuno dì Voi (siete in tanti) e non me ne vorrete se per forza maggiore non conosco tutti i vostri nomi, la maggior parte per me siete solo occhi e sorrisi! Grazie al Primario Dr.ssa Di Rosolini, regista di questa meravigliosa equipe, al grande Dott.  Zocco Pisani, mi sono affidata alla sua a me nota professionalità e umanità. Non ho parole per ringraziarlo per i giusti consigli; grazie al Dr.  Fidone che indirettamente conoscevo già e la cui presenza iniziale mi è stata di conforto; al Dott. Fronte per le sue parole di incoraggiamento. A tutti gli altri Medici di cui sconosco i nomi ma altrettanto professionali ed umani. Grazie agli Infermieri tutti, a Fabio Criscione che conoscevo già e che è stato il primo ad accogliermi con professionalità, a Giovanni Cannata il mio angioletto altissimo che tra un prelievo e un controllo del catetere venoso scambiava due parole con me… a Simone Aprile dolcissimo anche lui, a Samuele Lao a tutti gli altri semplicemente speciali! Grazie a tutto il personale OSS umanamente al top … a Grazia Cannata, Rosalba…a tutti per la loro disponibilità e professionalità. Grazie a tutti gli Ausiliari per la loro grande disponibilità e al personale delle pulizie per il lavoro straordinario in questo periodo così pericoloso per tutti. Un grazie alla mia compagna di stanza e di avventura, una persona speciale ci siamo fatte compagnia e supportate a vicenda nei giorni di degenza. Il mio Grazie per tutti Voi è anche il Suo! Un pensiero agli altri pazienti perché possano tornate presto ai loro affetti”. 

foto –   da sinistra dott.ssa Di Rosolini e la paziente