Covid-19, un anno fa l’inizio dell’incubo

449

Esattamente un anno fa, la notte del 30 gennaio 2020, il Covid si è presentato ufficialmente in Italia.

Quella sera un pullman di turisti cinesi venne bloccato in autostrada dalle forze dell’ordine, e riportato a Roma a sirene spiegate, direzione Spallanzani.

Due di loro, marito e moglie, avevano accusato sintomi sospetti, e il tampone aveva confermato il timore peggiore: è Sars-Cov-2. I due venivano proprio dalla provincia di Wuhan, erano sbarcati a Malpensa la settimana prima, avevano viaggiato per l’Italia.

Lo stesso 30 gennaio, a tarda sera, il premier Conte annuncia agli italiani che il virus è in Italia.

Il giorno dopo viene dichiarato lo stato d’emergenza, e vengono bloccati i voli da e per la Cina. Ed esce il bollettino numero 1 dell’ospedale romano: le condizioni dei due sono soddisfacenti. A quello ne faranno seguiti tanti altri, uno ogni giorno.

E’ l’inizio di un lungo incubo, da cui non ne siamo ancora usciti ma, grazie al  vaccino, adesso sembra aprirsi uno spiraglio di speranza.