A Modica annullata la Tari 2021 per le attività in difficoltà

111

All’indomani degli aiuti in tema di affitti commerciali, ecco un’altra iniziativa pensata per venire incontro a quelle attività commerciali particolarmente e gravemente penalizzate dalla situazione che stiamo vivendo: l’esonero totale del pagamento TARI 2021.

L’esonero vale solo per gli immobili utilizzati a fini lavorativi dall’attività beneficiaria che ricade nelle categorie della ristorazione (ristoranti, pizzerie, pub, trattorie, birrerie, bar, caffè, pasticcerie, gelaterie), strutture ricettive, impianti sportivi (palestre, piscine, campetti da calcio, tennis, pallavolo).

Per accedere a tale beneficio non sarà richiesta nessuna domanda da presentare visto che i beneficiari saranno individuati attraverso i codici ATECO. Per coloro che nel frattempo hanno proceduto al pagamento della prima rata dell’acconto 2021, la somma sarà detratta da debiti pregressi o conteggiata come acconto sul 2022. In ogni caso le categorie beneficiarie, grazie a questo provvedimento, non dovranno tener conto delle bollette recapitate nei giorni scorsi come acconto TARI 2021.

Nella stessa seduta la Giunta ha deliberato l’estensione dell’aiuto economico accordato ai TAXI ed NCC con bando del 2020, anche al 2021 nella stessa misura.

Anche per questo aiuto non sarà necessario produrre ulteriore documentazione rispetto a quella già presentata lo scorso anno perché sarà un’estensione del bando pregresso.

“Tutti insieme come Amministrazione e come Consiglieri di Maggioranza abbiamo deciso di supportare con determinazione le categorie produttive maggiormente penalizzate dai provvedimenti restrittivi di contenimento della pandemia. Abbiamo mostrato con i fatti di aver recepito le richieste delle associazioni di categorie e dei movimenti spontanei nati da poco per difendere i diritti di tutte queste categorie. Ci auguriamo che anche a livello nazionale si possa consentire un esonero dal pagamento delle tasse, non solo rinvii. Adesso aspettiamo le graduali riaperture per tutte queste attività che sono praticamente ferme da un anno”.