Imputazione coatta per la madre del piccolo Vittorio Fortunato

2124
Immagine di repertorio tratta dal web

È stata disposta l’imputazione coatta per la madre naturale del piccolo Vittorio Fortunato, il piccolo abbandonato davanti a una macelleria della parte alta di Ragusa.

Il neonato era stato lasciato lì dall’uomo, che poi si è saputo essere il padre, che ha ha quindi inscenato il ritrovamento.

Il giudice per le indagini preliminari presso il tribunale di Ragusa ha accolto di fatto l’opposizione del tutore del piccolo, alla richiesta di archiviazione della posizione della madre formulata dalla Procura.

In sostanza, ha rinviato gli atti al pm affinchè formuli entro 10 giorni l’azione penale che riguardi la donna, per abbandono di minore.

Secondo il giudice – riporta il Gds on line da fonte Agi -, già affidando il neonato al padre naturale ed ex compagno invece di chiamare i soccorsi ci sarebbe una prima negligenza, acuita dal fatto che come madre di due figli e donna adulta non poteva non sapere i rischi ai quali avrebbe sottoposto il piccolo indipendentemente dal comportamento del padre naturale che decise di inscenare abbandono e ritrovamento del bambino.