Incendi a Calaforno e San Giacomo, vertice d’urgenza in Prefettura

935

Nella giornata di oggi, in territorio ricadente nei comuni di Giarratana e Monterosso Almo, in località Calaforno, per cause in corso di accertamento, si è sviluppato un pericoloso incendio di interfaccia che, alimentato dalla forte intensità del vento, sta interessando anche la zona limitrofa al centro abitato. L’intervento tempestivo dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste, dei Vigili del Fuoco e la pronta attivazione del sistema di protezione civile con la presenza sul posto dei volontari coordinati dal Dipartimento Regionale di Protezione civile e di unità operative dei Comuni interessati ha consentito di attuare i primi interventi a tutela dell’incolumità delle persone e a salvaguardia delle strutture. Sul posto sono presenti anche pattuglie dei Carabinieri, della Polizia di Stato e della Polizia Stradale a tutela della sicurezza e con funzioni logistiche di supporto e regolamentazione anche della circolazione stradale nonché unità operative del Libero Consorzio Comunale.

La pronta attivazione delle procedure di intervento, coordinate dalla Prefettura, con particolare riferimento all’intervento aereo, ha reso inoltre possibile l’arrivo di due Canadair che stanno effettuando numerosi lanci sul fronte del fuoco, salvaguardando dalla propagazione delle fiamme le strutture abitative e ricettive presenti nella zona. Numerose abitazioni e aziende sono state messe in sicurezza e si è proceduto anche all’evacuazione di due abitazioni minacciate dalle fiamme.

Nel corso della giornata un altro incendio si è sviluppato in località San Giacomo, nel comune di Ragusa, sul quale stanno intervenendo alcune squadre antincendio e volontari.

Nel pomeriggio, il Prefetto di Ragusa Giuseppe Ranieri, al fine di coordinare gli interventi di spegnimento e di soccorso e salvaguardia della popolazione, ha convocato in Prefettura il Centro Coordinamento Soccorsi, tuttora in corso, al quale stanno partecipando tutti i soggetti del sistema di protezione civile ed i sindaci coinvolti.

Sono in corso indagini al fine di verificare le cause degli eventi.