Sicilia in zona gialla, ma non cambierà (quasi) nulla

1882
Immagine di repertorio tratta dal web

La Sicilia potrebbe passare in zona gialla già da lunedì prossimo. I dati di terapie intensive e ricoveri ordinari sono chiari. Ma cosa cambierà? Poco o nulla. Non è previsto alcun coprifuoco, mentre i ristoranti potranno restare aperti all’aperto e al chiuso. Cambiera il numero massimo di commensali al tavolo: quattro persone.

Obbligo di mascherine, invece, sia all’aperto che al chiuso. In zona gialla sono aperti i cinema, i teatri e i musei, le sale da concerto: la distanza di sicurezza tra gli spettatori è di almeno un metro, la capienza delle sale non deve superare il 50 per cento del totale. Si prevede un massimo di 1.000 persone all’aperto e 500 negli spazi chiusi e bisogna sempre indossare la mascherina.