Chi aveva la Ferrari e chi la barca: scoperti 5mila furbetti del reddito di cittadinanza

385

Chi aveva la Ferrari, chi la barca, chi diversi appartamenti, chi un autonoleggio con 27 vetture, chi una scuola di ballo. Qualcuno si è persino inventato di avere dei figli. C’è un pò di tutto tra gli indebiti percettori del reddito di cittadinanza individuati tra il primo maggio e il 17 ottobre grazie ai controlli mirati realizzati dai Carabinieri del Comando Interregionale «Ogaden» – con giurisdizione su Campania, Puglia, Abruzzo, Molise e Basilicata – e dai colleghi del Comando tutela del lavoro. Nel dettaglio, sono 4.839 le irregolarità riscontrate, il 12,6% sui 38.450 nuclei familiari sottoposti a verifica, il 9,9% dei 387.076 nuclei beneficiari del sussidio nelle cinque regioni alla data del 30 aprile scorso. I militari hanno testato i requisiti di 87.198 percettori del reddito, denunciandone in stato di libertà 3.484: il 38,4% di questi ultimi (1.338) erano già noti alle forze di polizia per altri motivi e 90 di loro (il 2,6%) risultano avere condanne o precedenti per gravi reati di tipo associativo. E’ di 19,1 milioni di euro l’ammontare della cifra complessiva indebitamente percepita nel periodo e nel territorio controllati.

Delle persone denunciate nell’intera operazione, il 60,2% sono uomini (2.097) e il 39,8% donne (1.387): il 59,4% sono cittadini italiani (2.071), il 40,6% stranieri (1.431).

I ‘numeri’ dimostrano che il contrasto ai furbetti del Reddito di cittadinanza è in azione. Questo a garanzia di tutti e di chi percepisce il reddito nel rispetto delle norme, avendone pienamente i requisiti.