Emergenza umanitaria Ucraina, Comiso apre all’accoglienza

248

Il Comune di Comiso ha avviato una ricognizione su tutto il territorio per verificare se ci sia la disponibilità ad accogliere temporaneamente famiglie ucraine. “La disponibilità all’accoglienza è da intendersi per l’ emergenza umanitaria presso alloggi privati, strutture alberghiere o extra alberghiere (quali case vacanze, bed and breakfast, agriturismi o affittacamere) o strutture religiose”, ha affermato la sindaca Maria Rita Schembari.

“Con avviso pubblico dell’assessorato alle Politiche Comunitarie e Sportello Europa – spiega la prima cittadina –  l’Amministrazione intende procedere ad una ricognizione, su tutto il territorio comunale, delle disponibilità di famiglie e singoli cittadini all’accoglienza temporanea e al sostegno di persone e nuclei familiari provenienti dall’Ucraina e in fuga dalle zone di conflitto. Il Comune di Comiso, in raccordo con la Prefettura di Ragusa e con ANCI Sicilia, raccoglierà le adesioni e, successivamente, chi ha manifestato la propria disponibilità potrà essere contattato dalle Autorità preposte, in seguito ad opportuno approfondimento, per l’attivazione dell’accoglienza solidaristica per cui è stata manifestata la disponibilità, individuando idonee forme di coinvolgimento.  Possono manifestare la propria disponibilità all’accoglienza – continua Maria Rita Schembari –  famiglie, singoli cittadini e associazioni e soggetti del Terzo Settore residenti o con presenza prevalente sul territorio comunale.”

La disponibilità all’accoglienza dovrà essere manifestata compilando l’apposito form pubblicato sul sito Istituzionale dell’Ente all’indirizzo https://www.comune.comiso.rg.it/ e inviandolo via mail all’indirizzo [email protected] ovvero mediante consegna brevi manu all’Ufficio Protocollo sito in via degli Studi a Comiso.

Per informazioni ulteriori in merito è possibile contattare l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di Comiso al numero telefonico 0932/748347 o 0932/748309 o tramite mail all’indirizzo [email protected]