Uil Pensionati Sicilia, assemblee a Ragusa e Siracusa il 27 e 28 aprile

49

Una stagione congressuale intensa, che ha acceso i riflettori su tematiche focali, sollecitando interventi e risoluzioni immediati: la medicina territoriale, il recupero del potere d’acquisto, i piani socio-sanitari e la legge sulla non autosufficienza, per citarne solo alcune. Istanze e argomenti che saranno al centro delle prossime assemblee congressuali della Uil Pensionati Sicilia, in programma nei territori di Ragusa e Siracusa rispettivamente il 27 e 28 aprile.

Il primo dei due  appuntamenti si terrà a Ragusa, negli spazi di Villa Fortugno alle 10:00; il giorno successivo, al Centro Convegni del Santuario di Siracusa a partire dalle 9:30. A presiedere i lavori sarà il segretario generale della Uil Sicilia Luisella Lionti. Le conclusioni saranno affidate al segretario generale della Uil Pensionati Sicilia Claudio Barone.

“In tutti i territori – osserva Claudio Barone – abbiamo focalizzato, durante i dibattiti, le emergenze che connotano la complessa fase storica, sociale e sanitaria in atto: dopo i disagi arrecati dalla pandemia, non ancora del tutto risolti, la guerra ha determinato nuovi scenari che, di certo, non hanno facilitato il percorso di ripresa”. Le preoccupazioni del segretario generale sono rivolte alle categorie più deboli e maggiormente esposte al rischio di marginalità sociale: tra esse, figurano proprio anziani e pensionati che, malgrado le difficoltà e le ristrettezze determinate dal caro bollette e dall’inflazione, hanno continuato a fornire un contributo essenziale ad assicurare la tenuta del Paese, svolgendo il ruolo di ammortizzatori sociali a beneficio di figli e nipoti.

“In Sicilia – spiega Barone – anziani e pensionati sono circa un milione e mezzo di abitanti: la vita media si è allungata, nell’isola come altrove, e ciò rende necessari cure e servizi di qualità che accompagnino in anni della vita in cui si hanno ancora tante potenzialità da esprimere”.

Non a caso, il tema dell’invecchiamento attivo e in buona salute è centrale per la Uil Pensionati, che indica nella medicina di prossimità uno degli strumenti da adottare per evitare il ricorso troppo frequente e talvolta improprio alle cure ospedaliere.

“L’assistenza domiciliare è un tema cruciale – aggiunge il segretario UILP Sicilia – e deve procedere di pari passo all’erogazione di servizi di qualità, per consentire a tutti di curarsi: tristemente, c’è chi vi rinuncia per via delle liste d’attesa troppo lunghe, nell’impossibilità di accedere per ragioni economiche alla sanità privata”. Secondo il sindacato, occorre invece riformulare l’offerta sanitaria e utilizzare  al meglio le risorse del PNRR potenziando il personale, a partire dalla stabilizzazione di quello impiegato nelle USCA, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale.

La Uil Pensionati da tempo invoca, inoltre, una legge relativa alla non autosufficienza: strumento fondamentale del quale continua a sollecitare l’attuazione. Un altro nodo da sciogliere è quello delle case di riposo, “alcune delle quali neppure censite – sottolinea Claudio Barone – o addirittura irregolari, come emerso durante la fase più drammatica dei contagi da Covid 19: di certo, non possiamo lasciare gli anziani in una condizione di abbandono”.

“In generale – conclude – la pandemia ci ha insegnato, in materia di sanità pubblica, che il sistema vigente è sbagliato: occorre ripensare il tutto, costruendone uno nuovo che sia in grado di fornire servizi di qualità alla collettività, puntando più sulla prevenzione che sull’ospedalizzazione”.