Volontari da tutta Europa nel Ragusano. Le ‘voci’ di chi ha partecipato

183

Per tutto il mese di aprile, dieci volontari di diversi paesi europei hanno fatto un’esperienza in provincia di Ragusa. Il progetto, promosso da Attiva-Mente Modica e in partenariato con altre associazioni e scuole europee e locali, mira a fornire ai giovani volontari del progetto European Security Corps(ESC) “let’s do it togheter” uno spaccato sul lavoro di accoglienza ed integrazione che si svolge negli iblei.

Pubblichiamo l’articolo-testimonianza di una volontaria, che commenta così l’esperienza vissuta in provincia di Ragusa:

“Facciamolo insieme in Italia”

Anoosha Qaisar .

“Da soli possiamo fare così poco; insieme possiamo fare così tanto”. – Helen Keller

Il Corpo Europeo di Solidarietà è un programma di volontariato introdotto dall’Unione Europea per riunire giovani di diversi paesi dell’UE per creare una società migliore sostenendo le persone indifese e rispondendo alle sfide della società.

La vita insieme a 10 volontari provenienti da Bulgaria, Polonia e altre parti d’Italia in due appartamenti condivisi è interessante e talvolta impegnativa. Ma andiamo d’accordo e stiamo sviluppando le nostre amicizie.

Gli obiettivi di questo progetto di volontariato ”Lets do it to Together” è quello di abbracciare i valori della solidarietà, il rispetto della dignità umana e dei diritti umani, e promuovere una società giusta ed equa in cui prevalgano la non discriminazione, la tolleranza e la solidarietà. Ho scelto questo progetto perché il mio obiettivo è quello di essere informato e di informare gli altri per risolvere molti problemi sociali, e costruire una società più forte. Sono a favore di tutto ciò che può rendere il nostro mondo un posto migliore. Credo che partecipando a progetti di volontariato ognuno possa diventare un gamechanger per la propria comunità perché il coinvolgimento sociale dei giovani fa la differenza.

Ho avuto la fortuna di essere volontaria a Modica, in Sicilia, per un mese. La mia organizzazione ospitante è stata l’incredibile Associazione Attiva-Mente. Ad essere onesti, sembra che scrivere questo articolo sia la fine ufficiale. Ma d’altra parte, non ci sono fini, solo nuovi inizi.

Le attività che abbiamo facilitato hanno affrontato diversi temi come l’astensione dal giudizio negativo, i miti sulle diverse religioni in Europa, ecc.

Come parte delle nostre attività regolari, abbiamo visitato Scicli e l’organizzazione Mediterranean Hope, abbiamo conosciuto i locali e il personale di Mediterranean Hope, i richiedenti asilo e i rifugiati, per poter lavorare meglio con loro. Abbiamo fatto un tour a piedi della città con i rifugiati durante il quale abbiamo avuto la possibilità di capire la loro vita.

Inoltre, abbiamo condotto laboratori divertenti per 13 studenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Modica. I laboratori hanno trattato i temi della discriminazione, degli stereotipi e dei pregiudizi. Siamo anche andati all’ufficio della Caritas Diocesana di Ragusa dove abbiamo imparato a conoscere il lavoro della Caritas. È l’iniziativa per sostenere i senzatetto fornendo loro un alloggio. L’ultimo posto che abbiamo visitato è stata la città di mare di Marina di Acate. È stata un’esperienza molto emozionante per tutti noi. Abbiamo visitato il Presidio della Caritas. Prima abbiamo fatto un giro per conoscere meglio la vita dei lavoratori agricoli di diversi paesi.  Si tratta di un’enorme area di serre dove i lavoratori stranieri sono sfruttati e vivono in condizioni pessime.

Questo mese è stato pieno di sfide, sorprese, tristezza, superamento delle mie paure, conversazioni profonde, lunghe serate, cibo incredibilmente buono, problemi di comunicazione, autoanalisi e crescita come persona. Sono grata alle persone che hanno reso la mia esperienza del Corpo Europeo di Solidarietà così straordinaria – Vincenzo, Ivan, Patrycja e Mario”.