Le molte facce del fenomeno della tratta, le operatrici di Proxima in Nigeria

88

Le molte facce del fenomeno della tratta. La cooperativa Proxima Ragusa, che da anni si occupa di progetti volti a contrastare lo sfruttamento lavorativo e sessuale, si è impegnata a mostrare le diverse sfaccettature di una piaga molto complessa. In particolare, durante l’azione di sistema portata avanti in Nigeria e rivolta a sensibilizzare la popolazione sul fenomeno della tratta, le operatrici di Proxima hanno avuto la possibilità di visitare la casa principale del piccolo villaggio di Orogho, a due ore da Benin City. Si tratta di un luogo dove usualmente si incontrano le persone che hanno così la possibilità di affrontare le questioni che riguardano più da vicino i componenti della comunità. “Parlando con i presenti – spiegano le operatrici di Proxima – è come se avessimo riscontrato un evidente interesse sulla tematica anche se è stato difficoltoso fare comprendere a ciascuno di loro i veri pericoli della tratta. Parecchi tra quelli presenti, infatti, si confrontano con gli altri presenti sul territorio e vedono coloro che possono contare su chi ha qualcuno in Europa come colui che può permettersi di comprare delle cose che a loro sono negate. E’ come dire che la tratta in qualche modo viene sopportata”. Ma c’è di più. C’è chi fa proprio dichiarazioni controcorrente rispetto al sentire comune. “La tratta è accettata dalle comunità perché è ciò che porta il pane sulle tavole” ha dichiarato Roland Nwoha, presidente dell’associazione Idia Renaissance che da anni promuove progetti volti alla lotta alla tratta a Benin City. Insomma, una situazione che deve essere monitorata in maniera sempre costante perché il fenomeno è in rapida e continua evoluzione.