Un corteo di mezzi agricoli per festeggiare la Madonna in contrada Barco

611

Continuano e si concludono domenica 21 agosto le celebrazioni per il centenario dell’elevazione a parrocchia della chiesa di Maria Santissima delle Grazie in contrada Barco a Modica, avvenuta nell’agosto del 1922. Oggi alle 19, in particolare, è prevista la concelebrazione eucaristica con i sacerdoti che hanno svolto il loro servizio pastorale al Barco negli anni precedenti. A seguire, alle 21,30, si terrà un momento ricreativo con la compagnia Amici del teatro di Chiaramonte Gulfi che porterà in scena il classico “U ruppu ra cravatta”, commedia brillante in tre atti di Alfredo Danese. Domani, alle 19, è in programma la santa messa con il sacramento del Battesimo. Alle 20,30, poi, ci sarà la sesta edizione della Scaccia modicana, con degustazioni tipiche delle focacce modicane, preparate tradizionalmente dalle mamme della comunità. Alle 21,30, la serata danzante “Festa a ballu” a cura de “Faciti rota”. Domenica 21 agosto, infine, si celebra la festa della Madonna delle Grazie. Alle 8 lo scampanio festoso e lo sparo dei colpi a cannone annunciano il giorno della festa. Alle 10 il corteo dei mezzi agricoli che accompagnerà la statua della Madonna dalla chiesa fino al terreno di Giorgio Lucifora in contrada Parabuto. Quindi, la benedizione dei mezzi agricoli, della terra e dei nuovi semi che saranno poi sparsi nei campi per la prossima annata agraria. Ogni azienda porterà un sacchetto della propria terra e dei propri semi con il nome scritto che saranno riassegnati dopo la benedizione. Alle 18,30 la recita del Rosario, alle 19 la solenne celebrazione eucaristica insieme alle comunità di Montesano e Carbonaro, presieduta dal vicario generale mons. Angelo Giurdanella e incoronazione dell’antica statua della Madonna delle Grazie recentemente restaurata. Alle 20,30 la processione con la statua della Madonna per via Villa Barco e via Bussello Modica-Giarratana. Accompagnerà la processione la banda musicale Città di Modica Belluardo-Risadelli diretta dal maestro Corrado Civello. Al rientro della processione, i fuochi d’artificio. A occuparsi della comunicazione esterna Confcommercio provinciale Ragusa con il presidente Gianluca Manenti e Confcommercio sezionale Modica con il presidente Emanuele Iemmolo che si dicono soddisfatti dei risultati che finora sono stati raggiunti per fare in modo che queste celebrazioni possano essere conosciute da tutti.