La Fauna ornitologica dietro casa: un mondo da scoprire

223
Jpeg

Dal Merlo al Saltimpalo, dal Gheppio alla Civetta, dal Verdone alla Balia nera. Sono più di 30 le specie di uccelli osservate all’Ex Parco Agricolo di Ragusa: un’area di paesaggio agrario tradizionale che, pur sfregiato in alcune parti, si è miracolosamente in parte ancora salvato dalla speculazione edilizia in una zona periferica della città di Ragusa.  L’interessante fauna ornitologica è stata censita nell’ambito di un programma sistematico di osservazioni svolto dal Biologo Antonino Duchi coadiuvato dalla Biologa Monica Giampiccolo e dall’Insegnante Donatella Sciveres. Un programma ancora in corso e che potrebbe rivelare ulteriori interessanti sorprese, sempre che l’area venga mantenuta o, meglio ancora, riqualificata in senso naturalistico e non definitivamente devastata. Al compimento del programma si prevede di pubblicare tali osservazioni in una rivista specialistica o negli atti di un congresso.

”Alcune specie sono presenti tutto l’anno, alcune solo d’inverno, altre si servono del sito come tappa intermedia di foraggiamento durante le migrazioni ” afferma il biologo Antonino Duchi. “Le osservazioni svolte “sottolinea ancora il biologo” evidenziano l’importanza naturalistica del paesaggio agrario tradizionale: un ambiente che purtroppo subisce il continuo attacco delle attività antropiche, quali la cementificazione (ville, capannoni, resort, strade, autostrade…), l’agricoltura intensiva e le discariche abusive”.

“Spesso quando si parla di natura negli Iblei si pensa solo alle cave, mentre invece è tutto il territorio che ha delle valenze ambientali e naturalistiche diffuse” sostiene la Biologa Monica Giampiccolo “ la presente indagine, pur avendo affrontato solo uno ‘spicchio’ della fauna presente, ne è la chiara dimostrazione”.

“Sono rimasta sorpresa dalla varietà faunistica che si può riscontrare proprio dietro casa, senza la necessità di dover macinare decine se non centinaia di chilometri” è la riflessione dell’Insegnante Donatella Sciveres” A scuola è ormai diffusa l’Educazione Ambientale a cui gli studenti sono molto interessati. Quest’area può a ben titolo essere un’aula didattica a cielo aperto facilmente raggiungibile. Ma se contemporaneamente gli adulti (genitori, nonni, parenti, amici o quant’altro) propongono ai giovani come positive la privatizzazione ed alterazione dei beni ambientali diffusi tutto ciò che a scuola viene insegnato rischia di sfumare in un batter d’occhio”.

E’ il caso dell’Ex Parco Agricolo. “Dalla scelta se mantenerlo e riqualificarlo o farlo finire sotto la ‘solita’ colata di cemento si gioca non solo un pezzo di natura dietro casa ma anche un pezzo di cultura ambientale delle generazioni attuali e future” concludono i biologi ” Come dimostra questo monitoraggio, il ruolo del biologo ambientale nella gestione territoriale risulta fondamentale e quindi va tenuto sempre più in considerazione, sia da parte degli Enti preposti che dell’opinione pubblica”.