Parte il primo Corso di Araldica e Genealogia a Modica

260
Domenica 23 ottobre prossimo, alle 9 partirà il 1° Corso di Araldica e genealogia a Modica (1296-2022) che sarà articolato su tre domeniche (23-30 ottobre e 6 novembre 2022) con le prime due lezione, quella di Genealogia ed Araldica in sede e la terza sviluppata sul territorio modicano con visita agli archivi parrocchiali di San Giorgio e di San Pietro e ricognizioni araldica presso i due duomi e la Chiesa Collegiata di S. Maria di Betlem e presso palazzi gentilizi e pubblici di Modica.

Il corso è stato concepito e realizzato dalla Società Modicana per la Storia Patria, unitamente all’Istituto Araldico e Genealogico Italiano, e alla Società Italiana di Studi Araldici e con la partecipazione del Centro Studi Placido Carrafa, la Via delle Collegiate, L’Institut International des Etudes Genealogiques et d’Histoire del Familles e dalla Confederazione Internazionale di Genealogia ed Araldica; sponsor Antica Dolceria Bonajuto e Gruppo Cataldi (Cafè Aruci).
L’iniziativa ha il Patrocinio della Regione Siciliana-Assessorato dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana, il Libero Consorzio Comunale di Ragusa ex Provincia Regionale di Ragusa, la Diocesi di Noto e la Fondazione Giovan Pietro Grimaldi.
Il parterre di docenti di prim’ordine è composto da Dr. Pier Felice degli Uberti, Presidente I.A.G.I., Don Antonio Pompili, Araldista Vaticano, Maestra d’Arte Maria Cristina Sintoni, Dr. Marco di Bartolo e Mauro Novaresio Genealogisti e scrittori, Ing. Paolo Campagna, Genealogista, Prof. Alessio Varisco, Storico, Saggista e Genealogista, Avv. Antonio Ruta e Angela Allegria (Diritto, Genealogia e Araldica), Dr. Salvatore Maiore, Archivista e Direttore dell’Archivio Diocesano di Noto e il dr. Carmelo Cataldi, Saggista ed esperto in Araldica e Genealogia.
Presidente del Comitato del Corso è il dr. Giorgio Polara, Madrina la Prof.ssa Fernanda Grana.

Successivamente verrà realizzata un’opera collettanea con la redazione di tutti gli interventi dei docenti e che sarà messa a disposizione del pubblico.

Per informazioni e contatti basta seguire la pagina Facebook della Società o scrivere all’email [email protected]