Ponti di Carta, al via domenica il festival dei libri per bambini e ragazzi

206

“I libri sono ponti ostinati: uniscono, creano legami”, scriveva nel 2016 un giovane libraio di Eboli, Giuseppe Avigliano, in una commovente lettera divenuta subito virale sul web, con la quale annunciava di lasciare il suo lavoro dopo un cambio gestione della libreria.

I libri sono anche ponti per attraversare le diverse fasi della vita, per traghettarci dall’infanzia alla giovinezza e poi all’età adulta. Da questa idea nasce il nome del Festival dei libri per giovani lettrici e lettori “Ponti di Carta” ideato e organizzato da Alib, l’Associazione Librai Iblei, al debutto domenica 30 ottobre al Centro Commerciale Culturale di Ragusa.

Fino al 1° novembre, tre pomeriggi interamente dedicati ai libri, 10 incontri con autrici e autori, 17 laboratori destinati a bambini e ragazzi dai 3 ai 14 anni, una conferenza sui manga giapponesi, due mostre, spettacoli e spazi di gioco appositamente pensati per i più piccoli. Un programma diversificato e di grande qualità, che porta nella nostra città le esperienze più interessanti del ricco panorama librario siciliano. Questi gli scrittori e illustratori presenti: Stefano Amato, Mariella Cusumano, Lorena Dolci, Riccardo Francaviglia, Annamaria Piccione, Maria Lucia Riccioli, Giusy Sciacca, Margerita Sgarlata, Lina Maria Ugolini, Vanessa Viscogliosi. Tra le case editrici siciliane, Cavallotto, Kalós, Lunaria, rueBallu, Splēn.

Una festa all’insegna della lettura e dell’ascolto, del gioco e dell’apprendimento, strumenti indispensabili per sviluppare le competenze di reading literacy che faranno dei giovani lettori di oggi i lettori forti di domani. Tanti i temi e i campi del sapere trattati negli incontri con gli autori, dalla mitologia alla musica, dalla matematica alla poesia, dalla storia delle donne alla lotta alla mafia.

Due infine gli appuntamenti riservati agli adulti: un laboratorio sull’espressione dell’identità di genere con Dario Accolla, scrittore, docente e attivista per i diritti Lgbt, e un incontro su come affrontare la perdita e il lutto attraverso gli albi illustrati a cura delle bibliotecarie Francesca Aparo e Robertina Nicastro di Soffiasogno, lo spazio per bambini della Biblioteca Civica di Ragusa.

“Abbiamo voluto pensare a un festival che coinvolgesse non solo bambini e ragazzi, ma anche le famiglie, genitori e nonni, insegnanti ed educatori – spiegano gli organizzatori -. Per questo abbiamo scelto di svolgere il festival nel ponte di Ognissanti, per dare a tutti la possibilità di partecipare. Nella nostra attività di librai riscontriamo quotidianamente un grande desiderio di conoscere le proposte per i più piccoli, un settore in forte crescita ma piuttosto trascurato. Sono infatti pochissimi i festival in Sicilia dedicati a questo target. Ci auguriamo che la nostra iniziativa contribuisca a colmare un vuoto e ad avvicinare alla lettura sempre più ragazzi.”

L’iniziativa di Alib ha coinvolto molte scuole ragusane e ha ricevuto il sostegno del Comune di Ragusa e di diverse aziende del territorio. “Ringraziamo i nostri sponsor e tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile il festival. Pensiamo sia fondamentale il coinvolgimento di diversi attori sociali, come le scuole, le associazioni e le biblioteche, nonché delle aziende che hanno creduto nel nostro progetto”, concludono gli organizzatori.

Non resta che augurare un’ottima riuscita a questa nuova esperienza che innova e arricchisce l’offerta culturale del territorio ragusano.

Il programma completo è disponibile sulla pagina Facebook Ponti di Carta.