Ispezione a Palazzo Iacono, il commento del Sindaco Aiello

235

“Le comunicazioni arrivano prima alla stampa che ai diretti interessati”! Commenta così il Sindaco di Vittoria Francesco Aiello dopo avere appreso, ieri dal giornale la notizia che l’ispettore regionale, Francesco Riela, ha chiesto ulteriori 90 giorni per l’attività ispettiva che sta svolgendo all’interno del Comune.

“Non è la prima volta che succede una cosa simile, già lo scorso 18 ottobre abbiamo ricevuto la  sua prima visita. La cosa strana è che la disposizione del decreto della Regione assessorato alle Autonomie Locali sezione vigilanza e controllo, è firmato il 17 ottobre, cioè un giorno prima dell’arrivo del funzionario a Palazzo Iacono – precisa il sindaco Aiello. La motivazione della proroga di altri 90 giorni è motivata < dalle difficoltà incontrate durante il primo accesso e dalla complessità degli argomenti > così come viene riportato. A questo punto è bene precisare: la Regione chiede ai nostri uffici di fare chiarezza in merito al nucleo di valutazione e alla posizione degli 8 consiglieri imputati per presunte dichiarazioni false, rese nella fase procedurale. Le relazioni di riscontro del segretario generale e del sindaco sono state inviate prontamente dal nostro ufficio alla Regione rispettivamente il 6 luglio 2022 e il successivo 4 ottobre. Nonostante ciò, l’ispettore Riela dichiara di non aver ricevuto nulla. La vicenda appare strana dato che vi sono note protocollate e pec inviate. Appare singolare e rilevante anche il fatto che la Regione non solo non  ha rispettato la tempistica prevista per gli accertamenti ispettivi, ma  non ha tenuto in conto  il dato che il segretario del comune si è messo subito a disposizione non creando alcun ostruzionismo, anzi fornendo  i dati e i documenti richiesti. Tuttora, sempre tramite il canale esclusivo della nota giornalistica ci viene mossa l’accusa di essere inadempienti su alcune relazioni a cui l’ufficio non ha potuto dare riscontro perché non avrebbe  mai ricevuto copia di quanto richiesto. Di tutte queste anomalie adesso darò cognizione alla Procura della Repubblica di Ragusa trasmettendo anche tutta la documentazione al Parlamento Regionale e Nazionale e per sollecitare le necessarie interrogazioni parlamentari”. Il sindaco Aiello ha dichiarato che chiederà anche un incontro con il Presidente della Regione, Renato Schifani.