Porto turistico di Marina, Gaetano Mauro presenta interrogazione

688

Prima interrogazione a risposta scritta indirizzata al sindaco di Ragusa Peppe Cassì dal neo eletto consigliere comunale in quota a Generazione Gaetano Mauro.

Di seguito il contenuto del documento sul Porto turistico Marina di Ragusa.

“Vogliono estromettere l’imprenditoria locale al fine di favorire quella proveniente da Malta. Sindaco, che succede?”
Il consigliere comunale al comune di Ragusa, Gaetano Mauro- lista Generazione-, raccoglie il monito di preoccupazione degli operatori commerciali del porto turistico di Marina di Ragusa, agitati in ordine alle strategie di sviluppo che sta adottando la società di gestione sulle attività commerciali.
Mauro, rivolgendo una interrogazione urgente al sindaco della Città, Giuseppe Cassì, chiede quali atti amministrativi hanno condotto la società di gestione “Porto Turistico di Marina di Ragusa s.p.a.” ad acquisire la titolarità della concessione edilizia e di quella demaniale nonché a modificare la destinazione d’uso di tutti i locali a terra della infrastruttura.
“Non solo segnalazioni di dissenso e di preoccupazione degli operatori economici presenti all’interno del porto turistico di Marina di Ragusa per le modalità gestionali della infrastruttura da parte della società che ha in concessione l’opera, ma c’è forte preoccupazione anche per la modifica di destinazione di uso di tutti i locali a terra che compongono l’infrastruttura, inizialmente destinati al servizio alla navigazione”.
Il consigliere  chiede, ancora,  al sindaco Cassì “…se le scelte strategiche della società di gestione siano coerenti con il vigente regolamento del porto, nonché di comprendere quali azioni di controllo residuano in capo all’Ente comunale in virtù del titolo concessorio e se esistano vincoli di destinazione d’uso, nonché se l’Amministrazione è a conoscenza di eventuali potenziali interessi detenuti dalla società di gestione del porto o dalla sua compagine sociale nelle aree di Marina di Ragusa vicine al porto turistico.