Bitume, domani a The Globe un incontro tra parole, suoni, immagini

1223

Domani 13 settembre a The Globe, in via Spampinato 12 a Ragusa, si svolgerà un evento inedito e sperimentale che nasce nel solco di BITUME, il progetto site-specific di FestiWall innestato nella fabbrica Antonio Ancione di contrada Tabuna, e dalla collaborazione di tre artisti, lo scrittore Marco Steiner, il musicista Stefano Meli e il regista Vincenzo Cascone, ideatore e curatore di FestiWall. Un incontro tra parole, suoni e immagini per riattraversare un’esperienza che ha messo insieme arte urbana e archeologia industriale, coinvolgendo 25 tra gli esponenti più importanti del muralismo contemporaneo, e che purtroppo ha avuto una breve vita pubblica, tra il 2020 e il 2021, essendo attualmente il sito Ancione, nel quale sono custodite le opere, non fruibile da parte dei visitatori.

Lo spettacolo che verrà presentato domani sera in anteprima a The Globe si propone di dare continuità, attraverso linguaggi diversi che si compenetrano e si amalgamano, a quel progetto tanto visionario quanto mai del tutto compiuto, come spiega Cascone:

“Per sua natura Bitume è un progetto corale, un giacimento di storie, di saperi, di individui che resta in attesa di essere estratto con un potenziale evocativo praticamente infinito. L’area di contrada Tabuna, con il complesso industriale ancora attivo della Colacem e della Polimeri uniti a quello ormai dismesso della Antonino Ancione, rappresenta un luogo della Memoria, cioè una zona della città che ha un enorme significato identitario per la città di Ragusa e non solo. Deve essere fatto tutto il possibile perché almeno l’area Ancione e le sottostanti miniere vengano acquisite come bene collettivo. Dopo gli interventi degli artisti all’interno dell’area Ancione – continua il curatore di Bitume –, raccolti già nella prestigiosa edizione [dal titolo omonimo, N.d.R.] della Fondazione Federico II di Palermo, l’evento al The Globe presenterà un originale incontro fra parole, note e immagini, intrecciando parte dell’archivio del progetto Bitume, che ho raccolto in questi anni, con gli spunti letterari di Marco Steiner e le distorsioni della chitarra di Stefano Meli. Nonostante la chiusura dell’area industriale il progetto Bitume continua”.

Le immagini di Vincenzo Cascone racconteranno il contesto storico, paesaggistico e urbanistico nel quale si inserisce la miniera di pece della Tabuna, che fino a un passato recente ha dato lavoro a generazioni di piciaruoli e ha esportato asfalto ragusano in tutto il mondo, e ripercorreranno l’evoluzione del progetto Bitume nelle sue diverse fasi. Alle immagini faranno da contrappunto la voce di Marco Steiner – con brani tratti da Cuore di pece, racconto scritto per il volume Bitume, e da un’opera alla quale lo scrittore sta lavorando – e le musiche di Stefano Meli, chitarrista e compositore oggi al nono lavoro da solista, che proporrà anche alcuni pezzi inediti del suo prossimo disco.

“Sia con Marco Steiner che con Vincenzo Cascone è lungo il sodalizio artistico – spiega Meli, uno degli animatori culturali di The Globe –. Negli anni abbiamo lavorato insieme a molti progetti, tra i quali il docufilm L’Ora di Spampinato con Vincenzo e vari peregrinaggi su e giù per l’Italia con Marco in ‘reading’ tra musica e parole. Bitume ci accomuna tutti e tre in una visione altra della storia e del presente, un viaggio dal cuore di pece laggiù nelle profondità.”

Per Marco Steiner, autore tra l’altro di Il corvo di pietra (Sellerio 2014), romanzo ambientato in parte a Scicli e in altri luoghi della nostra provincia e che ha come protagonista un giovane Corto Maltese, si tratta dunque dell’ennesimo ritorno in questa punta estrema di Sicilia, alla quale è legato sia da solidi rapporti di amicizia, sia da una profonda connessione emotiva e artistica, come racconta egli stesso: “La Sicilia per me è il luogo giusto per sperimentare. A Ragusa avrò il grande piacere di provare a raccontare la nascita di un libro a cui tengo molto, Dove vanno a finire le parole, che ho avuto l’onore di scrivere insieme a Piero Melati. È un romanzo che nasce dal progetto Bitume di Vincenzo Cascone. È un omaggio al lavoro dei minatori e a quest’angolo di Sicilia che mi ha regalato tante storie”.

L’evento inizierà alle ore 21, l’ingresso è a contributo libero.