Violenta aggressione a Vittoria, sindaco convoca assemblea pubblica

452

A seguito dell’ennesimo episodio di violenza che si è verificato venerdì scorso a Vittoria, il Sindaco Francesco Aiello lancia il suo grido di allarme alla comunità vittoriese:

“Non passeranno- dice il sindaco-. L’Amministrazione Comunale di Vittoria leva alto il suo grido di allarme e chiama alla mobilitazione la cittadinanza tutta”.

Da qui la scelta di convocare un’assemblea pubblica per venerdì 20 ottobre, alle ore 10, in Piazza del Popolo.

Aiello ha poi scritto una lettera aperta alla città nella quale elenca una serie di atti vandalici registratisi in città: la distruzione dei locali di un edificio di francescani in Piazza Sei Martiri della Libertà; il degrado che si registra in piazza Sei Martiri (nota come PIazza Calvario); le strutture della Villa Comunale danneggiate; i fuochi di artificio sparati quasi ogni notte in diverse piazze della città; l’ultimo episodio di via Adua nel quale, secondo il primo cittadino,  “è stata anche utilizzata la tecnica del video montato di proposito, al fine di “far sapere” chi comanda”.

Aiello fa anche un accenno alle fumarole e agli incendi dolosi che hanno devastato la valle dell’Ippari, lambendo la riserva dei Pini d’Aleppo.

Da qui la volontà di indire una “grande manifestazione cittadina per dimostrare alla minoranza di malavitosi e violenti che Vittoria non è loro e che non passeranno mai”.

L’Amministrazione fa quindi appello a tutte  le forze politiche presenti in Città, alle istituzioni scolastiche (vero e proprio baluardo della democrazia), alle forze sociali, ai sindacati, alle associazioni culturali, ai giovani perché non solo partecipino ma soprattutto aiutino ad organizzare una grande manifestazione cittadina per venerdì, 20 ottobre alle ore 10 in piazza del Popolo  con un corteo che all’insegna del “Non passeranno!” faccia sentire la voce potente della parte sana e maggioritaria di Vittoria contro chi vuole distruggere la civile convivenza in Città e chieda al Governo Regionale ed al Ministero dell’Interno un potenziamento degli effettivi delle forze dell’ordine, che sia adeguato sia alla popolazione di Vittoria (ottava Città della Sicilia) sia all’importanza economica del territorio, tra i più ricchi dell’Isola.