Straordinaria mostra presepiale nella chiesa di Sant’Agata a Ibla

257

Una location straordinaria, con manufatti di grandissimo valore per vivere nella maniera più piena possibile lo spirito del Natale. E, soprattutto, emozionarsi dinanzi a uno dei simboli della Natività, il presepe. Con questi obiettivi è stata inaugurata, ieri sera, la mostra d’arte presepiale dal titolo “Dal presepe di Greccio ai nostri tempi, con lo stesso Spirito”, promossa dall’associazione L’Arco nella chiesa di Sant’Agata ai Cappuccini al Giardino ibleo. Nel 1223, San Francesco, a Greccio, secondo quanto ci dicono le fonti francescane, crea il presepe. A 800 anni di distanza, i presepi in mostra, realizzati secondo stili e sensibilità differenti, vogliono ricordare lo speciale messaggio di allora.

Non è un caso che la mostra a Ragusa si stia tenendo in quella che un tempo era la seconda dimora francescana della città che ospita il quadro della Natività proveniente dall’antica prima costruzione francescana nella vallata San Leonardo. Oltre al trittico del Novelli, grandiosa opera d’arte che abbraccia idealmente tutti i presepi in mostra. Chiesa di Sant’Agata gestita adesso dalla fondazione San Giovanni Battista che, così come il Comune di Ragusa, ha accolto con il massimo interesse la proposta dell’associazione agevolandone la realizzazione. La mostra può essere visitata tutti i giorni sino al 6 gennaio nei seguenti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il 9, 16, 23, 26 e 30 dicembre orario prolungato sino alle 22.