Una persona arrestata e due denunciate a Vittoria

1276

Un arresto per violazione dei sigilli e due denunce in stato di libertà (una per ricettazione e l’altra per furto aggravato): questo il bilancio dell’attività svolta nei giorni scorsi dai Carabinieri della Compagnia di Vittoria che hanno effettuato una serie di servizi di controllo del territorio per contrastare il fenomeno dei reati predatori e, più in generale, contro il patrimonio.

In particolare, a Vittoria i militari del Nor- Aliquota Radiomobile, durante un posto di controllo hanno notato un furgone che, per sottrarsi al controllo, effettuava una manovra repentina accedendo ad una stradina secondaria. I Militari, insospettiti dal comportamento del conducente, hanno deciso di seguirlo e fermarlo per procedere al controllo. Al volante del mezzo un trentenne catanese, O.S. Da ulteriori controlli i militari hanno accertato che il conducente era privo della patente di guida ed il veicolo sprovvisto della copertura assicurativa RCA. All’interno del furgone, poi, è stata trovata una moto risultata essere stata rubata a Catania pochi giorni prima. Addosso all’uomo, inoltre, i militari hanno trovato la somma in contanti di circa 2.500 euro di cui lo stesso non sapeva motivarne la provenienza né giustificarne il possesso.

I Carabinieri hanno quindi sequestrato la somma di denaro e restituito la moto al proprietario. Il trentenne è stato infine deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato di ricettazione.

Sempre a Vittoria, poi, i militari del N. O. R. – Aliquota Radiomobile, durante il controllo del territorio, hanno notato all’interno di un agrumeto una persona sospetta cogliere dagli alberi delle arance, pertanto decidevano di procedere al suo controllo. L’uomo, alla vista degli operanti, si è dato alla fuga lasciando cadere in terra sacco contenente circa 20 kg di arance già colte. Dopo essere stato raggiunto e fermato dai Carabinieri, l’uomo è stato identificato in un vittoriese di 45 anni, A.C. le sue iniziali,  e poi sottoposto ad accertamenti che hanno permesso di trovarlo in possesso di un paio di forbici. Controllando l’agrumeto, poi, i miliari hanno trovato a recensione danneggiata e, a poca distanza da dove l’uomo era stato visto cogliere le arance, un recipiente contenente ulteriori agrumi per un peso di circa 20 kg. I Carabinieri, dopo aver accompagnato l’uomo negli gli uffici per la redazione degli atti di rito, hanno sequestrato le forbici utilizzate per commettere il reato e riconsegnato la refurtiva al legittimo proprietario. L’uomo è stato poi deferito all’Autorità Giudiziaria in stato di libertà per furto aggravato.

A Scoglitti, infine, i Carabinieri della locale Stazione,  transitando nei pressi di un’azienda agricola già sottoposta a sequestro con relativa apposizione dei sigilli, notavano all’interno delle persone impegnate in attività lavorativa. I Militari pertanto hanno quindi deciso di approfondire i controlli, identificando i lavoratori risultati di nazionalità straniera,  irregolari sul territorio nazionale e privi di regolare contratto di assunzione. I Carabinieri, dopo aver ripristinato l’integrità del terreno sequestrato, hanno identificato il proprietario dell’azienda agricola: un vittoriese di 38 anni. L’uomo è stato deferito in stato di arresto all’Autorità Giudiziaria per violazione dei sigilli.