Teatro di Vittoria, Sallemi: “Massimo impegno per la valorizzazione”

113

“Quando sul tavolo vi sono gli interessi di Vittoria e dei vittoriesi sono il primo a fornire concretamente impegno, disponibilità e strumenti per raggiungere obiettivi che possano far crescere tutta la comunità”. Inizia così la nota del senatore Salvo Sallemi che interviene sulle dichiarazioni dell’assessore del Comune di Vittoria, Paolo Monello, riguardanti il Teatro Comunale (qui il nostro articolo: Il Teatro di Vittoria sia monumento nazionale. Lo chiede il Comune )

“Auspico che questa mia  sempre concreta disponibilità- aggiunge- venga colta dall’amministrazione comunale attraverso un dialogo su canali istituzionali e che, quindi, non può avvenire esclusivamente tramite post sui social network o comunicati stampa“.

“Sul Teatro di Vittoria, per troppi e lunghi anni chiuso – prosegue Sallemi – ci eravamo come gruppo politico già impegnati ottenendo un primo importante finanziamento dalla Regione per i lavori di manutenzione straordinaria a cui ne sono seguiti altri intercettati dal Comune e che hanno portato, finalmente, alla riapertura. Adesso è compito di tutti noi rappresentanti istituzionali far progredire il Teatro e la legge sui Teatri considerati quali monumenti nazionali – approvata in prima lettura alla Camera e che passerà al vaglio del Senato – rappresenta un’occasione di pregio che il nostro teatro può e deve cogliere. Per questo motivo sarà mio intendimento presentare un emendamento affinché la storica struttura ipparina, luogo simbolo di cultura e progresso, venga annoverata tra i teatri di pregio e quindi divenga monumento nazionale. Il testo di legge prevederà inoltre, qualora venisse approvato in via definitiva, che siano i Sindaci dei Comuni nei quali insistono teatri storici a chiedere l’inserimento tra i monumenti  nazionali. Sono sempre pronto all’avvio di un dialogo tra istituzioni con gli amministratori locali affinché si possa addivenire al risultato sperato”.