Modica, braccialetto elettronico per uno stalker

278

Un uomo di 60 anni, residente a Modica,  è stato sottoposto al divieto di avvicinamento alla persona offesa e l’applicazione del braccialetto elettronico all’indagato. A notificarglielo, il personale del Commissariato di Polizia di Modica che ha così eseguito l’ordinanza del Gip presso il Tribunale di Ragusa, richiesta dalla locale Procura della Repubblica.

La persona presa di mira prestava lavoro come badante nell’abitazione dell’anziana madre dell’uomo. Questi si è di fatti invaghito della stessa e, sebbene non ricambiato, ha iniziato a molestare la donna che è stata persino costretta a lasciare il posto di lavoro per tentare di liberarsi dell’uomo. Ciononostante, il sessantenne ha continuato a tempestarla di chiamate, messaggi inviati attraverso i social e minacce. L’ha anche pedinata nei suoi spostamenti per la città ed è arrivato anche ad aggredirla fisicamente. 

Nel corso di una perquisizione del veicolo di proprietà dell’uomo, è stato rinvenuto un coltello di genere vietato. Per questo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria.

A chiedere aiuto, rivolgendosi alla Polizia, la stessa vittima.

Il quadro probatorio raccolto dagli Agenti del Commissariato di Modica ha consentito alla competente Autorità Giudiziaria di emettere a carico del soggetto la misura cautelare di divieto di avvicinamento e di comunicazione con la donna, ulteriormente rafforzato dalla installazione del braccialetto elettronico all’indagato.