Caltagirone, Strade della Ceramica: battesimo il 18 e 19 maggio

207

Sarà tenuto a battesimo il 18 e 19 maggio prossimi, in concomitanza con “Buongiorno Ceramica”, l’evento nazionale che riunisce tutte le città della ceramica d’Italia. E’ il progetto delle “Strade della Ceramica”, lanciato nel corso della 26° edizione di “Travelexpo, Borsa Globale dei Turismi” (svoltasi a Terrasini) fra le sei proposte per allungare le stagionalità turistiche in Sicilia. Si tratta delle 5 DOM (Destination Management Organization) siciliane: Islands of Sicily, Madonie-Targa Florio, Sicilia Centrale, Valle dei Templi e West of Sicily, alla quale si aggiunge il progetto delle “Strade della Ceramica” che riunisce i Comuni di Burgio, Caltagirone, Collesano, Monreale, Santo Stefano di Camastra e Sciacca.

“Così come con le DOM, anche la Strade delle Ceramica offrono ai turisti una nuova formula di significativa vacanza esperienziale” – ha affermato l’assessora regionale al Turismo Elvira Amata, manifestando grande fiducia nelle prospettive connesse all’iniziativa in questione.   “Il nostro progetto è partito da pochi mesi – sottolinea Claudio Lo Monaco, assessore  alle Attività ceramiche e culturali del Comune di Caltagirone e vicepresidente nazionale dell’Aicc (Associazione italiana città della ceramica) con delega alle isole, che ha illustrato l’iniziativa in occasione della kermesse di Terrasini -, ma ci siamo subito resi conto che riscuote un grande interesse da parte degli operatori del settore. In questi due giorni a Burgio, Caltagirone, Collesano, Monreale, Santo Stefano di Camastra e Sciacca, verrà lanciato ufficialmente il passaporto, che consentirà ai visitatori di usufruire di sconti e promozioni non solo nelle botteghe ceramiche, ma anche nelle strutture ricettive e ristorative. L’obiettivo è quello di invitare il turista a visitare, anche a più riprese, le nostre sei città. Una volta completato il tragitto – conclude Lo Monaco -, verrà offerta in regalo una ceramica artistica. Un percorso, questo, intrapreso non solo per mettere in rete le nostre realtà, ma anche per incentivare il turismo 12 mesi l’anno”.