Da Milano in autostop, per venire a votare

1

Studenti e lavoratori residenti in provincia, si mobilitano per tornare a casa per il giorno delle elezioni. Grazie anche gli sconti applicati dai vettori, si vuole dare il proprio contributo per il rinnovo del Parlamento. E c’è un’iniziativa singolare. E’ quella del comico ragusano Danilo Vizzini che vive nel capoluogo lombardo, ma vota nella sua città natale. “Non voglio spendere un euro” è lo slogan della sua “marcia” verso Ragusa. Come farà? Lo spiega lui stesso “in autostop da Milano a Ragusa regalando sorrisi”. La partenza è prevista oggi dalla città meneghina. “Tra qualche giorno  – spiegava l’artista in un post di alcuni giorni fa sul suo profilo di facebook – intraprenderò un viaggio decisamente particolare, non tanto per il tragitto quanto per le motivazioni che mi hanno portato a compiere questa esperienza, mi spiego: “Ho deciso! Nel giorno di San Valentino! Voglio andare a votare in Sicilia, a Ragusa, la mia città. E farò questo viaggio in autostop partendo da Milano, confidando nei tanti Amici che mi aiuteranno offrendomi un “passaggio”. In cambio regalerò sorrisi. Voglio che i soldi non siano “il problema”, il voto è un mio diritto e voglio esprimere il mio pensiero. Andare in autostop avrà per me un significato profondo: quando vuoi davvero qualcosa, prenditela! Io amo il mio Paese, voglio il bene della mia gente perché è parte del popolo sovrano! E andrò a votare, nella mia città. Il mio pensiero personale sul voto? Non voglio spendere soldi per un mio diritto! Spero nel futuro che la tecnologia, permetta a ciascun italiano di poter votare in qualsiasi luogo esso si trovi. Perché sono gli Italiani che amano questa terra, che nutrono il sogno di cambiare questo Paese meraviglioso, ricco di arte e di cultura. Chiunque abbia un passaggio, anche corto, da offrirmi, lo ringrazierò. Per chi voterò? … Segreto!”. La partenza avverrà da piazzale Loreto. E già sulla rete sono decine i commenti, gli incoraggiamenti e, si spera per il bravo comico, anche le disponibilità ad un passaggio.

[Fonte: Giornale di Sicilia]