Atto incendiario in viale delle Americhe

0

Avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi l’atto incendiario di stanotte in viale delle Americhe a Ragusa. Alle 23:27 l’immediato intervento dei vigili del fuoco a cui era stata segnalata l’esplosione di una bombola. Sul posto, all’interno di una fiat panda vi erano due bombole gpl da dieci chilogrammi ciascuna. L’utilitaria era parcheggiata all’interno di un cortile privato afferente ad un edificio privato. L’esplosione di una bombola ha provocato un fortissimo boato. La violenza è stata tale e tanta che frammenti di bombola , lamiere e schegge sono volate ovunque, nel raggio di diverse centinaia di metri. Le lamiere della vettura, totalmente distrutta, sono finite sui balconi delle abitazioni limitrofe, sulla strada e persino nel cortile di una concessionaria, poco distante da dove è avvenuta l’esplosione. Inoltre frammenti e pezzi meccanici sono finiti anche su due vetture parcheggiate poco distanti, una Renault Modus e una Ford Fieta, che hanno riportato seri danni alla carrozzeria e alle parti anteriori dei mezzi. Il tempismo dei vigili del fuoco ha consentito non solo di spegnere subito le fiamme, ma di allontanare immediatamente la seconda bombola, impedendole di esplodere. Sul posto, stanotte, anche le pattuglie della sezione volanti di Ragusa. Già in nottata si è risaliti al proprietario dell’utilitaria, che sembrerebbe esser stata rubata, e sono state avviate indagini per capire quale l’entità di questo atto incendiario. Da verificare, infatti, se si sia trattato di un incidente fine a se stesso oppure ci sia ben altro dietro. L’attività di indagine è ammantata dal più stretto riserbo, proprio per meglio ricostruire i fatti. Tanti – a detta degli inquirenti – gli aspetti che devono esser accertati e per questi saranno anche determinanti le schede tecniche dell’intervento svolto dalle squadre dei vigili del fuoco, che hanno impiegato oltre tre ore per bonificare i luoghi. Non sarebbe la prima volta che nella stessa zona si siano verificati incendi, seppur di entità di gran lunga inferiore. Se il calore sprigionato dallo scoppio della prima bombola avesse coinvolto anche il secondo contenitore di gpl, le conseguenze sarebbero state certamente ben più gravi.