Violenta la badante del padre: processo per un modicano e due suoi “complici”

8

Sono comparsi davanti al collegio penale, presidente Antongiulio Maggiore, a latere Francesco Chiavegatti e Vincenza Rada Scifo, i tre modicani E.P 59 anni, S.F. 49 anni e M.R. 47, per rispondere rispettivamente dei reati di violenza sessuale; lesioni e minacce; ingiurie e  minacce. I tre sono difesi dagli avvocati Fabio Borrometi e Francesco Ricotti. Parti lese sarebbero il modicano M.T. 51 fidanzato della polacca B.N. 37 anni, la donna che sarebbe stata violentata. I fatti sarebbero accaduti fra il 2004 ed il 2005 quando la donna assisteva a domicilio l’anziano padre dell’accusato E.P.. Quest’ultimo  avrebbe costretto la badante a rapporti sessuali. Mentre S.F. ed M.R. , stante la denuncia, avrebbero tentato con le cattive maniere di far desistere le presunte parti offese dal presentare denuncia. Le presunte vittime, costituitesi in giudizio, sono rappresentate dall’avvocato Daniela Spadaro (nella foto). In aula è stato ascoltato uno degli investigatori che eseguì le indagini seguite alla querela. Il procedimento è stato rinviato per l’escussione degli altri testi.