Condannato a 2 anni lo spacciatore albanaese Hoxha

16

E’ stato condannato a 2 anni di reclusione e al pagamento di 9.000,00 euro di multa l’albanese trentaduenne Julian Hoxha che davanti al giudice penale Elio Manenti ha dovuto rispondere del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. I fatti per i quali l’imputato rimarrà rinchiuso nel carcere di Piano del Gesù di Modica Alta a scontare la pena risalgono al 28 agosto dello scorso anno quando l’uomo venne arrestato mentre era in procinto di cedere una dose di eroina ad un tossicodipendente. Così come dichiarato nel corso della precedente udienza dallo stesso assuntore, questi aveva un appuntamento davanti alla chiesa sconsacrata di San Nicola in Modica Alta con l’Hoxha, noto fra i tossicodipendenti come spacciatore, proprio per acquistare una dose di eroina al prezzo di 50 euro. Nessuno stupefacente, però, veniva rinvenuto dalla polizia intervenuta, né addosso all’assuntore né tanto meno allo spacciatore al quale perquisivano, inutilmente, anche l’abitazione. Nemmeno nelle vicinanze del luogo del blitz degli agenti venne trovato alcunché. L’Hoxha, difeso dall’avvocato Alessandro Agnello, era attenzionato dalle forze dell’ordine dallo scorso anno, da quando con la compagna da Roma si era trasferito a vivere a Modica. Nella Capitale l’albanese, con numerosi specifici precedenti, era un noto spacciatore. Di minore entità la pena che aveva richiesto il vice procuratore onorario Diana Iemmolo (nella foto) per l’imputato: due anni di reclusione e 6.000,00 euro di multa.